Alla fine, anche il governatore della Florida, Ron DeSantis, riuscirà in qualche modo a incidere sulla campagna elettorale per le primarie del Partito Repubblicano. Non però con un successo in qualche stato o stravolgimenti del proprio staff, ma in conseguenza del suo ritiro dalla competizione, che avrà probabilmente un certo impatto sugli equilibri tra i candidati rimasti. L’annuncio è arrivato alla vigilia delle primarie in New Hampshire e dopo la presa d’atto inevitabile non solo dell’impossibilità di ambire alla nomination, ma anche di poter compere per la posizione di principale sfidante dell’ex presidente Trump.

Con l'Ucraina sconfitta, sembra prendere corpo la nuova gigantesca manipolazione politico-mediatica contro la Russia. In un comunicato stampa congiunto, Estonia, Lettonia e Lituania informano di aver concordato di dotare i loro confini con la Russia e la Bielorussia di «strutture di difesa» per contrastare eventuali minacce militari russe. I ministri della Difesa dei tre Paesi Baltici hanno firmato un accordo in base al quale «Estonia, Lettonia e Lituania nei prossimi anni costruiranno strutture difensive anti-mobilità per scoraggiare e, se necessario, difendersi da minacce militari».

I Baltici, che senza l’ordine USA non scavano nemmeno una trincea, sono difendibili o sacrificabili, sostenibili o smentibili senza che nessuna di questa scelta comporti automaticamente un impegno concreto del vertice dell’Alleanza.

Per la prima volta da quando è stato eletto presidente, Volodymyr Zelensky ha partecipato quest’anno di persona all’annuale appuntamento del World Economic Forum (WEF) di Davos, nelle alpi svizzere. La necessità di incontrare leader politici e “CEO” da parte dell’ex attore comico deriva dalla situazione drammatica delle forze armate del suo paese sul campo di battaglia e, di conseguenza, dal progressivo raffreddamento della classe dirigente occidentale per la causa ucraina. Zelensky ha comunque voluto rilanciare il suo utopistico “piano di pace”, ben sapendo che le possibilità che venga anche solo discusso seriamente sono pari a zero.

A Davos, Zelensky si è rallegrato del fatto che decine di paesi avrebbero manifestato interesse in quella che viene propagandata come una sorta di sua personale “Formula di Pace”. Il sostegno nominale degli Stati Uniti e di altri paesi occidentali incide tuttavia poco o nulla sulla sostanziale inutilità del progetto stilato da Kiev. Una serie di condizioni assurde e completamente sganciate dalla realtà sul campo, assieme all’assenza della Russia dall’eventuale tavolo delle trattative, rendono vano e illusorio qualsiasi sforzo per trovare una soluzione pacifica al conflitto tramite questo percorso.

Il governo iraniano ha fatto questa settimana un passo significativo verso il coinvolgimento diretto nel conflitto di portata sempre più vasta che sta infiammando il Medio Oriente a causa della brutale aggressione di Israele contro la striscia di Gaza. Teheran ha infatti risposto tra lunedì e martedì agli attacchi terroristici che nelle scorse settimane avevano provocato oltre cento vittime entro i propri confini, colpendo vari obiettivi in Siria, Iraq e Pakistan.

Se si considera il quadro generale della crisi in corso, l’iniziativa della Repubblica Islamica segna la mobilitazione a favore dei palestinesi dell’ultimo e più importante componente dell’Asse della Resistenza dopo i fatti del 7 ottobre scorso. Oltre a Hamas, sono com’è noto già impegnati contro le forze dello stato ebraico e i suoi più stretti alleati, sia pure con modalità differenti, Hezbollah in Libano, Ansarallah (“Houthis”) nello Yemen e le milizie sciite filo-iraniane in Iraq.

Il primo appuntamento in calendario per le primarie del Partito Repubblicano americano si è tenuto lunedì sera in Iowa e ha registrato come previsto la nettissima vittoria di Donald Trump. L’ex presidente si prende quindi subito il ruolo di favorito nella corsa alla nomination, mentre i suoi più immediati rivali sembrano ritrovarsi precocemente con pochissime prospettive di successo. Dopo i tradizionali “caucus” che aprono la competizione interna a entrambi i principali partiti negli Stati Uniti, la sfida si sposterà tra una settimana nel New Hampshire, dove i sondaggi danno ancora Trump in vantaggio. Un eventuale bis nello stato nord-orientale darebbe già una direzione molto netta alle primarie repubblicane, lasciando probabilmente come unico ostacolo verso la nomination le svariate cause legali che vedono coinvolto l’ex presidente repubblicano.


Altrenotizie.org - testata giornalistica registrata presso il Tribunale civile di Roma. Autorizzazione n.476 del 13/12/2006.
Direttore responsabile: Fabrizio Casari - f.casari@altrenotizie.org
Web Master Alessandro Iacuelli
Progetto e realizzazione testata Sergio Carravetta - chef@lagrille.net
Tutti gli articoli sono sotto licenza Creative Commons, pertanto posso essere riportati a condizione di citare l'autore e la fonte.
Privacy Policy | Cookie Policy