Ci sono 40 gradi all'ombra. Non piove da mesi. Il fiume? L'hanno arginato più di 30 anni fa per utilizzare le sue acque per El Cerrejón; sembra che il carbone sia più importante delle persone. Accanto a lei c'è suo figlio. Ha due anni e non viene nutrito da due giorni. Non avete nulla da dargli. Gli date l'equivalente di una tazza d'acqua in una bottiglia di soda. Ogni tanto gliene date un cucchiaino, che lui prende disperatamente. I suoi occhi sono cambiati, sembrano essersi rintanati nelle loro orbite. Il suo respiro è agitato e la sua pelle ha perso elasticità. L'urina ha il colore del cioccolato. Non siete un medico, ma sapete che non è normale.

La Fondazione Argentina Altobelli ha inaugurato una collana editoriale dedicata al tema “Sindacato e Storia”, con la quale intende divulgare le lotte, le sfide, i contributi della classe lavoratrice e del movimento sindacale nella storia d’Italia. Il primo volume è dedicato al centenario dell’abolizione della Festa del Lavoro decretata dal Governo Mussolini nel 1923: “L’anno in cui il Governo Mussolini cancellò il Primo Maggio. Dal primo Consiglio dei Ministri (1° novembre 1922) al Patto interconfederale di Palazzo Chigi (19 dicembre 1923)”. Ne abbiamo brevemente discusso con l’autore, Michelangelo Ingrassia, docente di Storia Contemporanea e di Storia delle Istituzioni Educative Contemporanee presso l’Università degli Studi di Palermo.

 

Bogotà. Nessuno ricorda il Covid. Ma ci sono sintomi di malattia ovunque. Sintomi forse peggiori. E più vecchi, senza dubbio. In alcuni casi, segni preoccupanti che riguardano il mondo e minacciano la sopravvivenza della razza umana. In altri casi, manifestazioni locali - ugualmente evidenti e allarmanti - che forse non pongono problemi per la conservazione del pianeta, ma pongono problemi per i diritti delle persone.

Gli incendi in Canada, a Maui, in Grecia e a Tenerife, luoghi in cui è stato dichiarato lo stato di emergenza e in cui le persone sono state costrette ad abbandonare la propria casa sono alcuni di questi sintomi. Mentre alcune persone sono costrette a decidere se morire bruciate o annegati, come un sopravvissuto dell'isola hawaiana Hawaiian island, il resto di noi non sta facendo abbastanza per fermare ciò che causa l'aumento delle temperature ogni anno, che salgano a livelli insopportabili per gli esseri viventi.

L'8 gennaio dell'anno appena iniziato mi sono recata al Museo del Domani di Rio de Janeiro per vedere Amazonía, una mostra che raccoglie gli ultimi lavori del fotografo e attivista brasiliano Sebastião Salgado. La mostra è composta da duecento immagini della foresta pluviale brasiliana che l'artista ha impiegato sei anni per mettere insieme nel corso di diverse spedizioni e di periodi di convivenza con diversi gruppi indigeni della regione. È difficile trovare le parole per esprimere ciò che queste immagini producono, l'impressione profonda che lasciano, il valore che contengono, la lezione che non riusciamo a capire.

Il Mlac - Museo Laboratorio di Arte Contemporanea della Sapienza ospita Figurazione senza tempo - Fabrizio Borelli /Contagion - Metafotografie 2013/2021. La mostra è promossa da Gn Media nell'ambito del Progetto Contagion.

In mostra l’opera completa Contagion - serie 2013 e serie 2021 - di Fabrizio Borelli, una sequenza di trenta tavole che adottano - dichiara la curatrice Maria Italia Zacheo - quale “segno base un encefalo umano, figura-archetipo della vita, del pensiero, dell’individuo. Il segno/simbolo è inserito in ognuna delle tavole diversamente, sempre in una griglia ortogonale di venticinque celle, astrazione del mondo.


Altrenotizie.org - testata giornalistica registrata presso il Tribunale civile di Roma. Autorizzazione n.476 del 13/12/2006.
Direttore responsabile: Fabrizio Casari - f.casari@altrenotizie.org
Web Master Alessandro Iacuelli
Progetto e realizzazione testata Sergio Carravetta - chef@lagrille.net
Tutti gli articoli sono sotto licenza Creative Commons, pertanto posso essere riportati a condizione di citare l'autore e la fonte.
Privacy Policy | Cookie Policy