Ignacio Lula Da Silva ha vinto il ballottaggio elettorale contro il presidente uscente, Jair Bolsonaro. Lula è stato votato da 80 milioni di brasiliani e la comunità internazionale ha immediatamente espresso le sue felicitazioni, oltre che aver tirato un sospiro di sollievo per l’uscita dal Planalto di un pazzo fascista e negazionista. Bolsonaro, peraltro, non sembra ancora deciso a riconoscere l’esito del voto, ufficialmente per verificare il conteggio, ma in realtà discute con i militari se vi siano o no opzioni golpiste possibili. Difficile che la cupola castrense acceda ad un intervento che costerebbe caro sotto tutti i punti di vista, anche perché la sua ipoteca sul Paese può essere messa in discussione fino a un certo punto da Lula, i cui margini di manovra restano limitati anche nei confronti dello schieramento parlamentare dove  Bolsonaro dispone di 99 seggi contro i 79 di Lula).

Settimana scorsa, il colosso francese del cemento Lafarge ha patteggiato con il dipartimento di Giustizia americano una sanzione da quasi 800 milioni di dollari per avere pagato i militanti dello Stato Islamico (ISIS) in cambio della protezione dei propri impianti in Siria durante i primi anni della guerra tuttora in corso. I fatti e le accuse sono noti da tempo, ma la notizia sugli ultimi sviluppi del caso ha riportato al centro dell’attenzione lo strumento legale utilizzato dalla magistratura americana per indagare e incriminare aziende straniere che operano in ogni angolo del pianeta.

I procuratori d’oltreoceano basano il loro lavoro in questo ambito sul “Foreign Corrupt Practices Act” (FCPA), una legge del 1977 che prende di mira “una certa categoria di individui ed entità che pagano funzionari di governi stranieri” in cambio di favori per il loro business. Grazie ad alcuni emendamenti apportati dal Congresso di Washington nel 1988, la legge anti-corruzione si applica anche a compagnie e cittadini di altri stati, le cui azioni illegali hanno luogo sul territorio degli Stati Uniti. Il requisito chiave della extraterritorialità di fatto della legge è però che i soggetti in questione possono essere bersaglio di indagini se hanno una filiale in America o, semplicemente, se sono quotati a Wall Street o hanno legami di altro genere con gli USA, come l’utilizzo di un server americano.

Le recenti dichiarazioni di Ursula Von der Leyen, che impegna l’Unione Europea all’erogazione di un miliardo e mezzo di Euro al mese (oltre alle armi), sono manifestazione di dissennatezza politica. L’aspetto più sconcertante è che la reiterata assenza di fondi per sostenere la crisi sociale europea, però viene agevolmente superata dall’esigenza di mantenere la cricca al potere a Kiev. Il tutto mentre, a causa della subordinazione totale della UE, la crisi economica del continente ha prodotto - e sempre più produrrà - dei riflessi di notevole importanza sull’assetto economico, politico e militare europeo.

Un primo timidissimo appello pubblico, proveniente dall’interno dell’establishment americano, a cercare una soluzione negoziata del conflitto in Ucraina era sembrato arrivare questa settimana con l’invio di una lettera aperta alla Casa Bianca sottoscritta da 30 deputati del Partito Democratico. I firmatari, tutti appartenenti al gruppo dei democratici “progressisti” della Camera dei Rappresentanti (“Progressive Caucus”), chiedevano all’amministrazione Biden di impegnarsi attivamente per far cessare la guerra attraverso il dialogo con Mosca. Questo modesto tentativo è però naufragato letteralmente in poche ore, fino al clamoroso ritiro della lettera nella giornata di martedì in seguito alle polemiche esplose all’interno del Partito Democratico.

Il logico favorito alla successione di Liz Truss alla leadership del Partito Conservatore britannico, l’ex Cancelliere dello Scacchiere Rishi Sunak, è stato dichiarato vincitore della competizione interna nel primo pomeriggio di lunedì e assumerà a breve l’incarico di primo ministro. La candidatura di Sunak aveva avuto il favore dell’industria finanziaria d’oltremanica, determinando un accordo sostanziale sul suo nome da parte di un partito che resta profondamente diviso, ma che un prolungamento del confronto con altri possibili aspiranti alla leadership avrebbe fatto letteralmente implodere.


Altrenotizie.org - testata giornalistica registrata presso il Tribunale civile di Roma. Autorizzazione n.476 del 13/12/2006.
Direttore responsabile: Fabrizio Casari - f.casari@altrenotizie.org
Web Master Alessandro Iacuelli
Progetto e realizzazione testata Sergio Carravetta - chef@lagrille.net
Tutti gli articoli sono sotto licenza Creative Commons, pertanto posso essere riportati a condizione di citare l'autore e la fonte.
Privacy Policy | Cookie Policy