di Fabrizio Casari

La sfida per eccellenza del miglior calcio italiano di questi anni è stata fedele alle attese. Grande partita ci si aspettava e grande partita è stata. Le due squadre si sono affrontate a  viso aperto e, a fronte di un sostanziale equilibrio a metà campo, sono state decisive delle grandi giocate dei singoli. I migliori in campo per l’Inter sono stati Thiago Motta, Julio Cesar, Snejider ed Eto’o, mentre nella Roma Vucinic, e nel secondo tempo Julio Sergio, sono stati una spanna sopra gli altri. Sono stati invece insufficienti Cordoba nell’Inter e Perrotta nella Roma.

Attacchi straordinari ma difese in difficoltà: questa la storia di una partita con otto gol. Ha vinto la squadra più forte ma chi ha perso non è certo che lo sia meno. L’Inter ha avuto più l’iniziativa ma la Roma, in contropiede, ha messo in apprensione la difesa nerazzurra spesso e volentieri. Quello che sembra fare la differenza è la qualità complessiva dell’organico. A questo punto, la remuntada interista, checchè ne dica Allegri, diventa un fantasma che si aggira per Milanello.

Quando Leonardo arrivò all’Inter i nerazzurri avevano 13 punti in meno del Milan, ora ne hanno 5 e una partita da recuperare. Si può far meglio? Certamente sì. Tredici gol in otto partite spono decisamente troppi. Anche se il dover vincere ad ogni costo sbilancia naturalmente la squadra in avanti, la difesa appare troppo fragile e, senza i miracoli di Julio Cesar, la situazione oggi sarebbe ben peggiore. Non si deve dimenticare, certo, che i tre centrali difensivi migliori dell’Inter (Lucio, Samuel e Chivu) erano fuori per infortuni e squalifiche, ma Ranocchia, pure bravo, non offre sicurezza assoluta, mentre Cordoba è decisamente in calo. E che la differenza nella qualità del gioco la faccia Snejider, è apparso chiaro: bisognerà centellinare le sue assenze e, nel contempo, reinserire gradualmente Milito, che davvero non può, in queste condizioni, togliere spazio a Pazzini.

La Roma lascia la sua ultima grande sfida alla rivale di questi anni con una sconfitta, che segna negativamente anche l’addio della famiglia Sensi alla Roma. Si sentono i nomi di Ancelotti e di altri, ma prima di liberarsi di Ranieri la Roma dovrà pensarci molto bene. Il tecnico testaccino anche in questa occasione ha indovinato i cambi rimettendo la sua squadra in corsa fino a cinque minuti dalla fine della gara. Non può essere colpa sua se Mexes insulta l’assistente dell’arbitro e se Burdisso non ha mai imparato la differenza che c’è tra l’irruenza e la calma. Ora i giallorossi si trovano a meno due dal Napoli, che l’incontreranno nel prossimo turno privi di Mexes e Burdisso. Un pessimo modo di affrontare Cavani e Lavezzi.

Questa volta Ibra non ha segnato, dunque Pato non è bastato e il Milan si è fermato. Due soli punti nelle ultime due partite non sono certo uno score da scudetto e sembra proprio che la pur robusta campagna acquisti, la corsa verso il titolo comincia a farsi molto meno sciolta. I rinforzi arrivati con il mercato (o, meglio sarebbe dire, il supermercato) di Gennaio, saranno anche utilissimi in chiave elettorale per il suo padrone, ma sembrano esserlo molto meno per il Milan. Che dimostra ancora una volta di essere Ibrahimovic e qualcos’altro, ma che conferma, appunto, che quando lo svedesone multi maglie non risolve, la squadra resta monca.

Il Genoa, peraltro, pur sempre temibile tra le mura di casa, non era certo un ostacolo insormontabile, salvo che Floro Flores, appena arrivato nella Lanterna, si dimostra una buona idea di mercato. Il pareggio di ieri tiene comunque i rossoneri a distanza dalle inseguitrici, ma il Napoli, che ha sconfitto il Lecce in casa con un sonoro 4 a 2, si trova ormai a tre punti, cioè con l’alito sul collo della capolista. Lamentarsi delle assenze non basta. Inter, Juventus e Roma ne hanno altrettante e Allegri dovrebbe forse trovare un assetto diverso per una squadra che appare spezzata in due, con scarsa comunicazione tra i diversi reparti e autrice di un solo schema: palla a Ibra e speriamo bene.

La Juventus, invece, torna a vincere e questa, almeno nelle ultime settimane, è una novità. Lo fa con una doppietta del neoacquisto Matri, che sceglie proprio la sua ex-squadra nel suo ex-stadio per ricordare a tutti i tifosi del Cagliari la differenza che passa tra un presidente e Cellino. Del Neri dice che la vittoria e i gol di Matri confermano quanto da lui sostenuto, cioè che la crisi dei bianconeri era dovuta alla mancanza di punte. Vedremo domenica prossima, nella sfida con l’Inter, se Matri ha colmato definitivamente la lacuna e se la Juve riprenderà il suo cammino, che all’inizio del torneo veniva ipotizzato come vittorioso o, almeno con destinazione zona Champions.

Il Napoli batte il Cesena e si porta a tre punti dal Milan. Ancora una volta i suoi giocatori migliori fanno la differenza in una squadra comunque ben messa in campo, veloce e dalla tecnica decisamente superiore alla media. Due a zero senza mai soffrire ai romagnoli. E' stata una buona partita che ha dimostrato come la caduta del turno precedente a Verona sia stata immediatamente metaboilizzata. Il Napoli può davvero rappresentare la novità di quest'anno e a Milanello faranno bene a guardarsi dai partenopei, oltre che dagli interisti.

La Lazio sbatte il muso contro il muro del Chievo, che rimane una delle formazioni minori con maggiore capacità di mettere in difficoltà le squadre più quotate. Una squadra fisica e veloce, tutta sistemata dietro la linea della palla e con Pellissier capace di avventarsi su ogni pallone come un rapace. Ormai pare evidente che la squadra ammirata nella prima parte della stagione abbia perso smalto e, forse, convinzione in se stessa. Molta più la voglia di fare che la lucidità in campo. Reja appare in difficoltà e la sua politica di turn-over, altrove fondamento del successo (vedi Napoli), all’Olimpico miete vittime e soprattutto fischi dei tifosi. Se non vivesse nelle polemiche non sarebbe la Lazio, ma ad ogni modo la posizione in classifica è comunque di tutto rispetto, dal momento che se la zona Champions appare improbabile, la zona Uefa appare invece un obiettivo realistico alla portata. Non male per chi lo scorso anno era con un piede in serie B.

Il Parma pareggia contro la Fiorentina in una partita che vede protagonista il neoacquisto Amauri. Un gol e una traversa nel finale hanno timbrato il via al processo di resurrezione dell’attaccante di origini brasiliane che a Torino era diventato sinonimo d’inutilità. Un rigore un po’ generoso fischiato a favore dei viola ha riportato in parità il risultato, ma al Parma serve a poco. Ha bisogno di ameno tre vittorie nelle prossime sei-sette partite per scacciare definitivamente i rischi di slittamento verso il basso.

E se a Parma si parla di Amauri e di resurrezioni, poco più in basso si parla già di possibili retrocessioni. Il Bologna riesce a cogliere un successo importantissimo contro il Catania, in una partita fortemente caratterizzata da una messe di cartellini gialli e uno rosso, decisivo. La vittoria fa sì che il Bologna vada a pari punti con la Fiorentina e si sganci dalla zona più bassa della classifica, sette punti sopra la zona retrocessione. Il Catania, invece, vi si trova solo ad un punto e dovrà partecipare seriamente alla lotta con Lecce, Cesena, Brescia e Bari per rimanere nella massima serie a fine stagione.

Il Ct azzurro ha diramato le convocazioni per la nazionale che mercoledì a Dortmund affrontarà la Germania. Tornano Buffon, Cassano e Giovinco, mentre Matri e Thiago Motta (che ha festeggiato con una grande prova e un gol la sua prima convocazione) sono le new entry del club azzurro. L’impegno non è certo dei più semplici. La partita è un’amichevole, per quanto possa esserlo un confronto tra Italia e Germania. Nessuno aspetta nuove pagine eroiche, sarebbe sufficiente cominciare a vedere un profilo meno incerto della nuova Italia firmata Prandelli.

di Fabrizio Casari

L’Inter la pazzia ce l’ha nell’inno e nella storia, Pazzini nel suo soprannome. Potevano non trovarsi? L’ultimo acquisto di Moratti ha cambiato la partita e, forse, la storia della rincorsa al Milan capolista. Tra Inter e Palermo si è disputata forse la più bella partita finora vista in questo campionato. L’Inter ha letteralmente assediato la porta di Sirigu, il migliore in campo dei rosanero, ma il Palermo non ha certo demeritato e ad ogni affondo ha sempre procurato mal di testa ai nerazzurri. Un’impresa quella dei nerazzurri, perché battere un ottimo Palermo dopo essere stata sotto di due gol alla fine del primo tempo non è roba da tutti.

E meno che mai per chi deve comunque rinunciare a Samuel e Snejider (infortunati) e a Stankovic, Chivu e Cordoba (squalificati). Decisivi, per Leonardo, tre elementi: l’ingresso del neoacquisto Pazzini, che ha siglato una doppietta straordinaria (il secondo gol - incornata su cross di Maicon - è splendido) e si è procurato il rigore; il rientro di Julio Cesar, che ha parato un rigore a Pastore tenendo così aperta la strada della rimonta e ha compiuto almeno altre due parate eccezionali; un Eto’o che ha attaccato, coperto, suggerito e segnato: un giocatore semplicemente universale. Ottima la partita di Thiago Motta, Maicon e Zanetti, ma Leonardo deve necessariamente intervenire sulla fase difensiva.

Ranocchia e Lucio non sbagliano quasi nulla, ma troppe volte il pallone si trova nella trequarti dell’Inter senza il dovuto contrasto: uno dei due centrali deve uscire e o si scopre il centro della difesa oppure i laterali stringono per coprire ma aprono le fasce da dove arrivano molti dei gol che l’Inter subisce. Dieci gol in sei partite sono troppi e se anche la sua squadra continua a segnare mediamente tre gol a partita, qualcosa deve fare per evitare di prenderne. Per cominciare, invertire i ruoli di Cambiasso e Thiago Motta: l’argentino rende molto di più davanti alla difesa e l’italo-brasiliano è più letale dietro le punte, a maggior ragione in assenza di Snejider.

Tra le note dolenti si registra Milito che sembra non riuscire ad invertire una stagione opaca e un’incidenza relativa di Coutinho, che sembra nascondersi e non trovare il suo spazio in campo. E poi Santon: impacciato, in difficoltà evidente nella fase difensiva e limitato a soli due movimenti nella spinta. Un’involuzione, quella del ragazzo interista, che va affrontata sia per il bene dell’Inter che della Nazionale.

Il Palermo ha pagato la scarsa vena di Pastore, che però se l’è vista con Ranocchia e Lucio, non certo due qualunque. Buona la prova di Miccoli e della difesa, Sirigu sopra tutti. Ma la squadra di Delio Rossi appare sbilanciata in avanti: Miccoli, Pastore ed Ilicic sono tre giocatori di tecnica raffinata, veloci e pericolosissimi, ma il Palermo non dispone di un centrocampo di qualità, capace d’impostare come d’interdire: manca un regista arretrato di spessore tecnico. Le due fasi disegnano quindi un Palermo micidiale quando spinge e in difficoltà quando viene attaccato. I centrali difensivi sono forti di testa, ma non basta arroccarsi. La sensazione è che la squadra vada sempre in affanno quando subisce l’iniziativa degli attaccanti avversari. Rinviata per neve la partita tra Bologna e Roma: meglio per i rossoblu, che erano impazziti per mettere insieme 11 giocatori tra infortunati e squalificati. Ma si doveva attendere il quarto d'ora del primo tempo per capire quello cghe era già chiaro a tutti dal mattino, e cioé che il campo sarebbe stato impraticabile?

Oltre all’Inter e al Palermo, ad impreziosire ulteriormente la 22 giornata ci hanno pensato i partenopei, che hanno rifilato un poker alla Samp, con una tripletta dello straordinario Cavani. Archiviata l’uscita dalla Coppa Italia, il Napoli ha schiantato la Sampdoria. Di Carlo non può farci molto: quando ad una squadra, per buona che sia, togli i due campioni decisivi (Cassano e Pazzini) difficile che si possa recitare un ruolo diverso da quello della vittima sacrificale. Peraltro, il Napoli gioca un ottimo calcio e serve davvero un altro livello di compagine di quella doriana per metterlo alle corde. Ma a Genova dovranno fare attenzione: con altre due partite perse ci si troverebbe in una zona antipatica della classifica.

Chi stà in testa, invece, se la gode: il Milan, infatti, riesce a superare anche il Catania, confermando così le facili previsioni della vigilia. Van Bommel timbra il suo primo cartellino rosso, ma Robinho e Ibra timbrano i tre punti e i rossoneri macinano punti come fossero acquisti: vincono e proseguono la corsa nel ruolo della lepre.

La Lazio è a meno uno dal Milan e questo, comunque sia, è un dato che nemmeno il più tenace supporter biancazzurro avrebbe mai immaginato all’apertura del torneo. La partita con la Fiorentina non ha offerto spunti interessanti, ma riflessioni sì. La Fiorentina è apparsa depressa, come fosse svogliata, come avesse già messo in cantiere l’ennesima sconfitta fuori casa. Se la Viola pensa di proseguire il suo cammino in campionato con la verve dimostrata all’Olimpico, non sarà semplice rimanere nel lato sinistro della classifica.

Difesa molle con Gamberini inadeguato e centrocampo lento, dove D’Agostino non appare nemmeno lontano parente del giocatore ammirato nell’Udinese alcuni anni fa e Montolivo sembra incapace di far cambiare passo alla squadra. Se Brocchi, giocatore da polmoni d’acciaio e piedi di marmo, diventa il centrocampista più molesto per Donadel, D’Agostino e Montolivo (terzetto irriconoscibile) allora c’è poco da fare. E se il centrocampo è questo, normale che Gilardino non prenda mai una palla (tra le pochissime che gli arrivano): non è certo Gilardino il classico centravanti che fa reparto da solo.

La Lazio, dal canto suo, non ha dovuto sfoderare la sua migliore prestazione per battere la Fiorentina, ma alcuni giocatori hanno saputo interpretare bene la partita. Tra tutti un attaccante come  Kozac, che non avrà magari la tecnica pura tra le sue doti principali, ma ha il merito straordinario di vedere la porta e cambiare i risultati per la squadra di Reja.

Un buon centrocampo, quello biancazzurro, con Mauri in spolvero e Ledesma e Brocchi che hanno regolarmente surclassato quello toscano. Ma il test non era particolarmente difficile; sarà dunque necessario vedere le prossime due partite dei biancazzurri per capire se le polemiche interne saranno divenute roba passata per lasciar parlare il campo.

E se la partita di Milano è stata la più bella, quella di Torino è stata la più brutta. La Juventus, in vantaggio con un fantastico gol di Marchisio, si è prima fatta raggiungere e poi superare, nonostante la squadra di Guidolin non abbia disputato certo la sua miglior partita. Ennesima sconfitta e in casa: per la Juventus si fa davvero notte. Già alla vigilia la partita era vista come uno snodo decisivo, con il giovin signore Agnelli che però ribadiva la giustezza delle scelte fin qui operate. Quello della Juventus contro l’Udinese era uno di quei classici match dove una rischia di buttare una stagione, l’altra proprio nulla. L’Udinese gioca un calcio eccellente, sia perché Guidolin fa correre e i giocatori hanno grande confidenza con il pallone, sia perché l’ambiente di Udine è perfetto per chi vuole giocare senza stress.

Sì, certo, gli infortuni; ma l’Inter e il Milan ne hanno di più: e allora? Si dice che il modulo sia il disegno dell’identità della squadra, ma il 4-4-2 maniacale di del Neri corrisponde, per paradosso, proprio all’assenza d’identità. La Juventus gioca male, sbaglia le posizioni in campo, è tutto furore agonistico e scarsa tecnica, individuale e di squadra. Cinque anni dopo calciopoli, la Juve sembra dimostrare l’incapacità cronica della sua proprietà e del suo gruppo dirigente di uscire dal ridimensionamento patito a seguito degli imbrogli perpetrati. Alla società si può dare la colpa di non saper scegliere i dirigenti, ma non di aver lesinato sul portafogli.

Quasi 140 milioni di euro in cinque anni sono una cifra importante, ma i suoi dirigenti l’hanno buttata dalla finestra. Giocatori bolliti o franche schiappe trasformati in campioni da dirigenti incapaci. E Deschamps, Ranieri (con Lippi sullo sfondo a togliergli autorità), Ferrara, Zaccheroni e Del Neri non sono riusciti a venire a capo di una squadra e di un ambiente che vivono ormai in preda alla nostalgia del passato truffaldino e all’odio verso il presente dei vincenti. Ma la crisi è nera e alibi non ce ne sono: in cinque anni si formano squadre vincenti e si ammirano titoli in bacheca, non figuracce ripetute ed ogni anno peggiorate.

Il Genoa batte 3 a 1 il Parma, che sembra giù di tono non tanto sul piano fisico, quanto sulla capacità di concludere bene a rete, nonostante il mai finito Hernan Crespo. Avendo solo cinque punti di distanza dalla zona dove si lotta per non retrocedere, il Parma non potrà permettersi altre sconfitte con le squadre di metà classifica, dovendo già preventivare i punti da lasciare a terra nei confronti diretti con le grandi. Bene anche il Chievo compie una scorribanda a Brescia, dove mette sotto le rondinelle, gli rifila tre gol e una montagna d’interrogativi, visto che i bresciani sono alla non invidiabile cifra di cinque sconfitte nelle ultime sei vittorie.

I tifosi contestano, ma Corioni non ha molto di cui scusarsi: quelli sono i giocatori che ha, quelli sono i soldi che ha. Le ambizioni vanno concepite su questi due semplici, maledetti elementi. Magari sostituire Beretta sulla panchina potrà contribuire alla salvezza, si vedrà. Ma se il Bari continua a perdere (ieri 2 a 1 a Cagliari) e il Brescia pure, Lecce e Cesena (che chiudono sul pari il confronto diretto) non approfittano per prendere ulteriori distanze. Eppure sarebbero occasioni d’oro. In pochi punti si trovano sia la via della salvezza che quella della discesa negli inferi

 

di Fabrizio Casari

Non era certo il Cesena l’addetto al ripristino del fascino del campionato. E così non è stato. Il Milan ha strappato con i denti la vittoria, mantenendo le distanze con le inseguitrici e guadagnando punti nei confronti di Lazio, Inter e Juventus. Quanto visto al Meazza dice che i rossoneri avrebbero meritato tutto, ma non di vincere, come spesso succede in questo campionato, dove il lato B e qualche aiutino hanno regalato punti importanti.

Ibrahimovic continua ad essere il 90% del valore complessivo della squadra: un autogol per impedirgli di segnare e un gol (pur se fortunoso) ne fanno il giocatore decisivo per il Milan e per gli avversari. Resta un dato: i rossoneri sono primi in classifica e, il fatto che lo siano con relativo merito, non gli riduce le possibilità di arrivare al titolo. Per il resto gara solita, tutt’altro che entusiasmante, ma i tre punti arrivano lo stesso.

La Roma alza i toni del campionato: batte il Cagliari con un sonoro 3 a 0 e “vendica" il rovescio pesante (5 a 1) subito all’andata al Sant’Elia. Torna così al terzo posto e ricomincia a guardare il campionato con occhio diverso, anche perché l’Inter, che l’aveva raggiunta, sconfitta ad Udine perde l’occasione per tenere il passo. Non incanta la Roma, è vero: ma prende punti. Ha battuto la Lazio quasi distrattamente in coppa Italia e l’ha poi superata in classifica e ha sistemato la pratica Cagliari senza mai rischiare. Se non ricomincia a dedicare più energie ai contrasti nello spogliatoio e mantiene la concentrazione sul campo, con l’organico di cui dispone non può che arrivare fino in fondo a disputarsi il titolo.

Tutt’altro discorso per la Lazio, che sembra non sappia più vincere e, dopo aver perso il derby di coppa Italia, le prende anche a Bologna: tre, per la precisione. La rissa nel finale ad opera di Zarate e Dias non fa certo onore al chiacchierone Lotito che dissemina perle analfabete sui valori del calcio. Quella della squadra di Reja appare ormai come un’evidente involuzione. La Lazio non sembra più nemmeno lontana parente di quella vista scorazzare nella prima parte del campionato.

Il Napoli di Mazzarri, invece, anche con qualche passo falso, continua comunque la sua corsa e non ci pensa nemmeno a mollare il secondo posto in classifica: Lavezzi segna, offre assist a Cavani e si sbarazza agevolmente anche del Bari di Ventura. Il Milan è a 4 punti e tutto è ancora da giocare. La Juventus, invece, non va oltre il pareggio con la Samp e ottiene solo di dividere la posizione con l’Inter, a sei punti dalla vetta.

La testa di serie della classifica rimane comunque una zona trafficata, con pochi punti e tante squadre in uno spazio stretto, ma fra tre o quattro turni comincerà il rush decisivo e allora, in attesa di ciò, accumulare punti ora è fondamentale, quasi quanto perderne. Come ha fatto l’Inter che vede interrompersi bruscamente la sua rincorsa, avendo lasciato punti allo stadio Friuli, dove l’Udinese ha impartito una lezione di agonismo ad una squadra visibilmente stanca e, soprattutto, lenta. Già contro il Cesena s’erano avvertiti i primi scricchiolii di tenuta fisica per una squadra che sta giocando ogni 3 giorni e più delle altre.

Certo, l’Inter ha numerose scusanti, prima tra tutte quella di avere la sua colonna dorsale assente per infortunio. Quando mancano Julio Cesar, Samuel, Snejider e Milito, si fa fatica a riconoscere la squadra che ha vinto tutto. Nessuna squadra italiana vincerebbe contro nessuno senza quattro titolari, meno che mai contro l’Udinese di queste ultime settimane. Ma, soprattutto, l’Inter ha una panchina priva di campioni - al massimo buoni giocatori - e un paio di titolari non certo all’altezza di una squadra che deve vincere.

Castellazzi tra i pali appare indeciso, confuso, comunque capace di parare solo quello che chiunque facesse il portiere parerebbe, ma non certo in grado di offrire il valore aggiunto che un grande portiere, come un grande attaccante, offrono in dote alle squadre vincenti. Per non parlare di Biabiany, buono davvero solo per squadre che devono salvarsi, non certo per chi deve vincere. E altrettanto chiaro dovrebbe risultare come Pandev sia non solo inutile, ma dannoso, comunque lo si schiera. Esterno fa meno danni, ma non si ricorda un contrasto vinto o un avversario anticipato.

Leonardo qualche responsabilità ce l’ha: magari Motta è uscito per motivi fisici, ma poteva far entrare Mariga  al suo posto o Santon, spostando Chivu a centrocampo. Non certo Biabiany. E Ranocchia non può continuare a vedere le partite dalla panchina per un Cordoba visibilmente non in grado di giocare il pallone. Ma l’Inter di ieri ha soprattutto documentato come nel calcio alcuni aspetti siano decisivi: la squadra più giovane del campionato gioca più veloce di quella più anziana. O Moratti prende atto di questo, o il 2010 resterà un anno straordinario, ma anche l’ultimo di questo ciclo. E non serve andare ad acquistare giovanissimi, ma giocatori che abbiano esperienza pur essendo ancora giovani, gente di 24-26 anni con fame di vittorie. Anche perché a Ibrahimovic prima e a Cassano poi, non si può comunque rispondere con Biabiany e Coutinho.

E’ vero: c’era un rigore netto a favore dell’Inter per un calcione a Cambiasso in area e i due gol dell’Udinese sono riultato di due punizioni discutibili, soprattutto sul secondo la barriera viene spostata da un fallo si sfondamento che le impedisce di saltare a intercettare il tiro (comunque bellissimo e letale) di Di Natale. Detto ciò, l’Udinese è straordinaria. Il suo centrocampo è solidissimo e di ottima qualità, giacché Inler, Asamoah e Isla sono di assoluto livello e Pinzi, il meno dotato, riesce comunque a giocare in modo utile.

L’attacco è straordinario, una gara di bravura continua tra Di Natale e Sanchez, un giocatore che solo vale il prezzo del biglietto. Il fatto che la difesa abbia invece solo Zapata e Handanovic ad un livello alto, viene compensato da una squadra che in fase difensiva vede 9 giocatori dietro la linea della palla e si dimostra capace di coprire adeguatamente ogni zona del campo. Pressing alto, ripartenze veloci e ottimo controllo palla completano il profilo di una squadra ottimamente allenata da Guidolin, maestro di calcio. Nelle ultime 17 gare, l'Udinese ha fatto 8 punti più di quanti ne abbia fatti l'Inter e nelle ultime due gare ha rifilato 7 gol a Milan e Inter.

Il Genoa, come la Samp, prende solo un punto contro il Chievo e il povero Bari, sconfitto, si trova davvero in una situazione di classifica ormai drammatica. E, per restare nelle Puglie, il Lecce, che pure s’era illuso, non va oltre un pari a Firenze, ma probabilmente alla vigilia i salentini avrebbero firmato per un punto a Firenze. Se non altro, serve a staccare il Cesena e il Brescia dalle ultime tre.

di Fabrizio Casari

Si avvicinano, perché questo è l’imperativo di chi insegue e anche perché chi dovrebbe allontanarsi non ci riesce del tutto. I Galliani boys subiscono infatti il pareggio a difesa schierata; lo subiscono dall’ultima in classifica che in un’altra occasione prende anche un palo. Squadra stanca, che senza Ibrahimovic non è niente di speciale. Lo svedesone ha realizzato 11 gol in undici partite e qui nasce e muore il primato rossonero. Anche l’arrivo di Cassano, per ora, non pare sufficiente a garantire i sonni tranquilli di Milanello.

La storia del Milan capolista e delle inseguitrici alla fine è tutta qui: i rossoneri hanno ottenuto solo cinque punti nelle ultime quattro partite. Non certo un passo travolgente: negli ultimi 3 turni la squadra di Allegri ha perso dai 3 ai 4 punti nei confronti delle inseguitrici. Lazio, Juventus e Roma prendono i tre punti che gli erano necessari per rimanere in scia contro Sampdoria, Cesena e Bari. La caduta del Palermo a Cagliari, causa arbitro e autoreti e lo stop del Napoli, fermato dalla Fiorentina di Mihajilovic, unitamente alla vittoria dell’Inter contro il Bologna, hanno poi ulteriormente contribuito a smuovere la parte alta della classifica.

Nell’anticipo di sabato, l’Inter ne aveva rifilati 4 al Bologna, che pure arrivava a San Siro in buone condizioni e dopo alcuni risultati utili. La storia della partita non dice niente di particolare, il 4 a 1 finale rispecchia abbastanza quanto visto in campo. Il gol di Stankovic vede l’alluce del piede del serbo di duecentimetri in fuorigioco, ma un rigore grande come una casa in area del Bologna ai danni di Milito non viene fischiato. Ormai sono quattro su quattro le partite vinte dai nerazzurri con Leonardo sulla panchina e quello che appare evidente è la trasformazione della squadra. Il grigiore del caporale di giornata venuto da Liverpool è diventato gioia di giocare al calcio e l’Inter segna a valanga. Detto ciò, Leonardo dovrà lavorare anche sulla parte meno emotiva e dedicare particolare attenzione al posizionamento della squadra nei calci d’angolo. Tutti i gol incassati in queste quattro partite vangono da rimpalli su corner o punizioni al limite dell’area.

Certo, Mancini costruì una delle armi micidiali della sua Inter proprio con l’imbattibilità sulle palle alte; ma non ci sono più Ibrahimovic, Vieira e Balotelli, Materazzi gioca poco e Samuel è fuori per infortunio. Dunque andranno registrati posizionamento e movimenti in uscita, perché comunque i centimetri non mancano e tantomeno la classe.

Nel frattempo, comunque, Eto’o si conferma un fenomeno (23 gol in 26 partite quest’anno), assolutamente superiore ad ogni altro centravanti in giro per l’Europa e anche “el principe” Milito pare aver ritrovato la via del gol. E’ chiaro che i nerazzurri - se dovessero vincere le due partite da recuperare con Cesena in casa e Fiorentina in trasferta - sarebbero secondi in classifica a solo meno 3 dal Milan, che giocherebbe da lì in avanti senza poter permettersi mai un errore, avendo l’alito dei campioni del mondo sul collo.

La Lazio vince a fatica per uno a zero nei minuti finali, grazie ad un gol di Kozac  che sfrutta un bel cross di Ledesma e ad un Curci distratto che si fa sorprendere. All’Olimpico è però andata in scena una partita che certo porta tre punti vitali per mantenersi in solitudine al secondo posto, ma che ripropone ancora una squadra in affanno e con una scarsa propensione realizzativa. E’ possibile che i biancazzurri non dispongano di un ariete d’area, di un centravanti capace di andare in doppia cifra, di uno di quei giocatori che risolve le partite che non si sbloccano, ma la sensazione è che Reja non riesca a trovare la quadra dell’assetto in campo.

Perché seppure la mancanza di una punta decisiva si sente, Floccari, Rocchi e Zarate sono giocatori che in gol sanno andare. Urge recarsi al mercato delle occasioni di Gennaio se non si ritiene che la dote in possesso sia sufficiente: un’occasione come quella determinatasi quest’anno, con Inter, Roma e Juve partite con ritardo e indietro nei punti, rispetto al valore oggettivo di cui dispongono, non si presenterà facilmente nei prossimi anni. Spendere ora una decina di milioni di Euro sul mercato, potrebbe voler dire entrare in Champions e riprenderli così con gli interessi.

Anche la Roma a Cesena fatica parecchio ad aver ragione dei romagnoli. Il campo non era dei più favorevoli alla tradizione, visto che nelle ultime dieci partite c’erano stati otto pareggi e due sconfitte per la Roma. I giallorossi hanno raggiunto il gol nei minuti finali grazie ad un fuorigioco di pochi centimetri di Adriano e di una sbadataggine difensiva della difesa del Cesena, che ha sbucciato un pallone verso la propria porta al momento di rinviarlo. Ma la Roma non potrà riprendersi rapidamente senza che la società veda chiudersi in un modo o nell’altro la transizione proprietaria.

La società vera, quella che ci mette i pochi piccioli che si spendono, non appare incline a prendersi responsabilità pertinenti a chi sarà il nuovo proprietario. Ma almeno Unicredit dica con chiarezza chi vuole e chi non vuole nella squadra che ha in mente. Dica per esempio, oltre a declamare l’urgenza di abbassare il monte stipendi e i costi di gestione in generale, se Ranieri dovrà o no vedersi rinnovato il contratto.

Le polemiche in casa giallorossa, Totti, Pizzarro, Doni, Mexes, Vucinic, Borriello; ogni scelta dell’allenatore viene vista come un esclusione e diventa motivo di polemica. Ieri é toccato al montenegrino. Ranieri, che non appare più sostenuto da squadra e tifosi, paga di persona ogni capriccio delle primedonne. Così la Roma non ha nessuna certezza di finire il campionato nelle zone alte della classifica e sarebbe un peccato, dal momento che per organico è inferiore solo all’Inter e al Milan.

La Juventus si riprende dai tre sganassoni presi a Napoli e rimedia - ma anche qui nel finale - superando il Bari, ultimo in classifica. Le assenze di Quagliarella, Toni e Iaquinta vengono risolte dalla capacità balistica di Del Piero, capace di trasformare le punizioni in dardi avvelenati. Poi Aquilani, uno dei pochi giocatori di alto livello della squadra di Del Neri, riesce a indirizzare in rete un gran tiro che somigliava tanto a quello della disperazione e tiene così la Juventus nelle zone alte della classifica.

L’Udinese cambia trasferta ma si ripete: se la precedente partita con il Milan l’aveva vista segnare 4 reti, stavolta ne ha rifilate altre quattro a Genova. Ma se il Milan ne aveva segnate altre 4 (di cui uno, come di prammatica, irregolare) il Genoa riesca a farne solo 2. La quantità di gol che il genoa ha subito nelle ultime due partite (Interin Coppa Italia e Udinese in campionato) non può essere spiegata solo con la partenza, pure importantissima, di Ranocchia. Ballardini, che già aveva inguaiato la Lazio, rischia di fare il bis con la squadra di Preziosi. Che forse dovrebbe riflettere sulla cacciata di Gasperini e fare due operazioni: chiedere scusa e richiamare l’ex tecnico sulla panchina della squadra.

Importantissima la vittoria del Brescia sul Parma, che consente di staccare di due punti l’ultima in classifica. La situazione resta complicata, ma sarà importante giocarsi la salvezza negli scontri diretti con Chievo, Bologna, Lecce e Bari. D’altra parte, l’organico bresciano non può risultare competitivo sul piano della tecnica, ma solo su quello della volontà e dell’agonismo. L’abitudine a navigare nel mare in tempesta delle ultime posizioni, potrebbe dare quell’energia calma di cui c’è bisogno per tenere la rotta.

 

di Fabrizio Casari

Un Napoli eccellente con un Cavani stellare stende la Juventus nel posticipo. Un 3 a 0 che non offre alibi alla squadra di Del Neri, che mai ha dato l’impressione di poter riprendere in mano la partita. Gli azzurri mantengono così il secondo posto in classifica e ora sono a quattro punti di distanza dal Milan capolista. Il tutto grazie ad una prestazione maiuscola che ha annientato i bianconeri, una reazione decisa alla sconfitta contro l’Inter.

La tripletta di Cavani è la prima notizia, il fatto che Krazic non si è tuffato in area avversaria è la seconda notizia. Per la Juventus si tratta della seconda sconfitta negli ultimi due turni: sette gol incassati in due partite ed un solo gol fatto, spiegano bene quanto le ambizioni della Juve siano destinate ad incontrare più miti consigli. Inutile comprare Toni, per quanto a prezzi di saldo.

Quello del San Paolo è comunque uno dei pochi risultati previsti, ma nel complesso quella di ieri è stata una giornata al cardiopalma, con risultati inattesi. Vittorie come quella del Lecce a Roma contro la Lazio e sconfitte come quella del Brescia che si trovava in vantaggio di due reti sono abbastanza indicative della particolarità del turno di campionato. La reazione dell’Inter che vince dopo essere andata in vantaggio su un campo difficile come quello di Catania e quella della Sampdoria, che batte la Roma dopo esser stata sotto di un gol, come quella della Fiorentina che ha ribaltato la partita contro il Brescia che la vedeva sotto di due reti in casa, hanno messo sufficiente pepe alla classifica; ma addirittura l’Udinese che va a San Siro, sfida il Milan, gli segna quattro gol e però non riesce a vincere, racconta bene la straordinaria storia del pomeriggio pallonaro.

Che la partita di San Siro non sarebbe stata agevole per i rossoneri lo s’immaginava. Il Milan, del resto, arrivava assai rimaneggiato all’appuntamento con la squadra di Guidolin, che non regala niente a nessuno e che ha in Di Natale e Sanchez due gioielli di assoluto valore. Ma non c’è dubbio che se sulla carta i rossoneri avrebbero dovuto approfittare del tonfo di Roma e Lazio e Juventus  per ampliare le distanze, alla fine del match al Meazza a poter recriminare è solo l’Udinese.

Certo che un attacco con Cassano, Ibrahimovic e Pato prima o poi deve segnare, ma la difesa è decisamente tre spanne sotto il livello dell’attacco. Presa in velocità soffre tremendamente. Si può anche vendere Ronaldinho, ma senza l’arrivo di almeno un difensore di livello, si confermerà quanto ormai noto. Se aggredisce, il Milan fa paura; se è aggredito, il Milan ha paura. Gattuso dice che “se non vinciamo quest’anno non vinciamo più e l’Inter che può arrivare a cinque punti preoccupa, perché Leonardo o no, è una grandissima squadra e la rispettiamo moltissimo”.

La Lazio, tronfia e vanitosa, riteneva probabilmente che incontrare una squadra in crisi nera significasse poter passeggiare sul velluto. Invece, il terreno dell’Olimpico di velluto non ha niente e i pugliesi glielo hanno dimostrato. I primi 45 minuti di gioco in campo c’era solo il Lecce. Stavolta non é bastata l’aquila e nemmeno le celebrazioni del centenario hanno dato la spinta vitale alla squadra di Reja. Spinta e concentrazione che, a dire il vero, mancano da qualche partita. La partita di Milano poteva consentire alla Lazio di avvicinarsi sensibilmente alla capolista, ma l’occasione è stata sprecata. Se la Lazio non ritrova il gioco spumeggiante, l’attenzione e l’aggressività fisica che ha caratterizzato il suo eccellente girone d’andata, difficilmente potrà centrare l’obiettivo del quarto posto, considerato dalla società e dagli osservatori alla portata della squadra allenata da Reja.

La Roma paga caro due errori di Juan (che solitamente ne commette pochissimi) e sperpera il vantaggio del solito Vucinic subendo il gol su rigore di Pozzi e l’espulsione di Julio Sergio prima e il gol dell’ex Guberti nel finale. E pensare che il difensore brasiliano era entrato dalla panchina, segno che il destino è maligno o che Ranieri è sfortunato. La Samp, del resto, aveva Pazzini in panca, dunque le unghie dei doriani risultavano spuntate. Nel primo tempo i giallorossi hanno offerto momenti di ottima qualità calcistica, ma nella ripresa la Samp ha deciso che non poteva perdere senza almeno tentare di vendere cara la pelle. E dopo più di mezz’ora di grande intensità, a sei minuti dalla fine un altro errore di Juan mette in condizione Guberti di siglare il vantaggio definitivo. Un’altro paio di espulsioni e il forcing finale non cambiano il risultato. Nel dopo partita Guberti si è detto “felice” di aver segnato alla sua ex-squadra: “Fa piacere segnare ad una squadra che non ha creduto in te”. Meglio il gol delle parole: almeno quando si vince sarebbe però opportuno un minimo di fair play.

L’Inter, vince a Catania limitandosi a controllare la partita e colpendo solo perché finita in svantaggio; probabilmente, se il Catania non avesse segnato per prima, la partita poteva finire zero a zero. Inter lenta e macchinosa, senza cambi di passo. La squadra di Giampaolo era ben schierata in campo, tutti e undici dietro la linea della palla ma con un pressing insistente sui portatori di palla dell’Inter e ripartenze insidiose, anche se raramente pericolose per tutto il primo tempo. Nella ripresa, però, Catellazzi ha dovuto guadagnarsi lo stipendio con almeno due ottimi interventi. Ma alla lunga la classe e la differenza di valori tecnici in campo viene fuori e il Catania esce così immeritatamente sconfitta sul suo campo.

L’Inter accorcia comunque di due punti sul Milan e Palermo, tre su Roma e Lazio. La classifica quindi non solo si muove, ma proietta in neroazzurri di Leonardo (oggi a - 11 dal Milan, ma con due partite non difficilissime da recuperare) ad una possibile situazione di 5 punti di distacco dalla capolista ed al possibile superamento di Palermo, Juventus, Roma e Lazio. Se non per lo scudetto, che solo il Milan può perdere, almeno per le prime tre posizioni l’Inter è seriamente candidata. Le possibili incognite sono solo l’alto numero di partite in breve tempo e, con esse, la statistica e la stanchezza. L'entusiasmo e la voglia di continuare a vincere rappresentano invece gli stimolanti leciti dell'impresa.

La Fiorentina vince in casa contro il Brescia dopo essersi ritrovata sotto di due gol. I fischi - ingenerosi - della curva Fiesole indirizzati alla famiglia Della Valle sono rientrati nella casistica delle idiozie domenicali dopo la realizzazione del terzo gol dei viola che ha ribaltato la partita. I tifosi fiorentini dovrebbero leggere con attenzione l’organico della squadra, poi sottrarre Jovetic e Mutu (per motivi decisamente diversi ma out entrambi) e chiedersi finalmente dove si pensa sia possibile arrivare. Se si chiede ai Della Valle d’investire si deve anche ricordare che di giocatori in grado di cambiare il volto della squadra ne servirebbero almeno quattro. Insomma, servirebbero tra i trenta e i quaranta milioni di euro da mettere nelle mani di Corvino. Nessuna società potrebbe spenderli, meno che mai una comunque non in grado di raggiungere obiettivi che ipotizzino anche solo un parziale ritorno degli investimenti. Forse, allora, è il caso di tarare le ambizioni con le dimensioni e i soldi con il portafogli.

Il Palermo pareggia con il Chievo, ma altre due trasferte diventano imprese: quella del Cagliari che batte il Parma che ne aveva rifilati 4 alla Juve solo tre giorni prima e quella del Bologna, che va a Bari e batte la squadra di Ventura. Il Genoa pareggia a Cesena, ma la differenza è che per i rossoblu di Preziosi cambia poco, mentre per gli emiliani la classifica comincia a non essere più tanto tranquilla; la zona retrocessione si trova ad solo un punto di distanza.


Altrenotizie.org - testata giornalistica registrata presso il Tribunale civile di Roma. Autorizzazione n.476 del 13/12/2006.
Direttore responsabile: Fabrizio Casari - f.casari@altrenotizie.org
Web Master Alessandro Iacuelli
Progetto e realizzazione testata Sergio Carravetta - chef@lagrille.net
Tutti gli articoli sono sotto licenza Creative Commons, pertanto posso essere riportati a condizione di citare l'autore e la fonte.
Privacy Policy | Cookie Policy