C’era una volta Limes, autorevole rivista di geopolitica. Il servizio realizzato dalla stessa a proposito dell’assalto bolsonarista alle istituzioni brasiliane (https://www.youtube.com/watch?v=3XbPKWvGfBI&feature=youtu.be) costituisce infatti quanto di peggio ci si potrebbe aspettare in termini di analisi obiettiva della situazione e di contributo scientifico a chiarire cause e prospettive di quanto sta avvenendo in Brasile, confermando il pregiudizio, vivo nei più, che la scienza politica in realtà ha ben poco di scienza e molto di politica, e spesso di politica di bassa lega.

In un’intervista rilasciata nei giorni scorsi alla televisione francese, Emmanuel Macron ha riproposto per l’ennesima volta la favola preferita da politici e media ufficiali in Occidente per spiegare le ragioni dell’invasione russa dell’Ucraina. Per il presidente francese, le operazioni militari inaugurate ormai quasi un anno fa sarebbero l’ovvia conseguenza dei piani di Putin per riconquistare i territori dell’ex Unione Sovietica e, quindi, ricostruire “l’impero”. Questa versione viene imposta in varie gradazioni e sfumature all’opinione pubblica ogniqualvolta si discute del conflitto in Ucraina e serve in sostanza a confondere le idee per far credere che la guerra in corso non è stata in nessun modo provocata, quando la realtà appare invece esattamente opposta.

Ogni storia di guerra, ogni sopravvivenza, ha bisogno di eroi. In particolare quando questi sono al servizio degli umili e non dei potenti. Perché di eroi vi sono due tipologie: i primi lo sono loro malgrado, per impossibilità a sottrarsi all’incombenza del dovere. I secondi lo sono per obbedienza ai vertici, per ingaggio o per furore, sul loro cuore batte la bandiera della convenienza.

L'insediamento di Luiz Inacio "Lula" da Silva alla presidenza del Brasile è una grande notizia per l'America Latina e i Caraibi. Si presume che il gigante sudamericano recupererà il rilievo internazionale che aveva in passato e contribuirà a ravvivare o a dare energia ai vari processi di integrazione in corso nella regione, il che è più importante che mai nel bicentenario della sfortunata Dottrina Monroe.

L'agenda spazia dalla rivitalizzazione del Mercosur alla Celac (Comunità degli Stati dell'America Latina e dei Caraibi) e all'Unasur, per citare solo i più significativi. Un segno del riorientamento della politica estera brasiliana è l'impegno del nuovo presidente non solo a partecipare al prossimo vertice Celac - che si terrà a Buenos Aires il 24 gennaio - ma anche a reinserire il Brasile in tale organizzazione, da cui era uscito in seguito a una decisione del governo di Jair Bolsonaro.

A pochi giorni dal ritorno ufficiale alla guida del governo di Israele, il primo ministro Benjamin Netanyahu ha già lasciato intendere che sulla questione della guerra in Ucraina potrebbe adottare un approccio molto diverso da quello dei suoi due predecessori. Una posizione più favorevole alla Russia sarebbe nell’ordine delle cose alla luce dei tradizionali ottimi rapporti tra il leader del Likud e il presidente russo Putin. Il possibile aggiustamento della strategia russo-ucraina dipende però anche dalle implicazioni che hanno per lo stato ebraico le relazioni con Mosca, intrecciandosi alle questioni relative a Iran, Siria e Palestina, ma anche allo stato dell’alleanza con Washington.


Altrenotizie.org - testata giornalistica registrata presso il Tribunale civile di Roma. Autorizzazione n.476 del 13/12/2006.
Direttore responsabile: Fabrizio Casari - f.casari@altrenotizie.org
Web Master Alessandro Iacuelli
Progetto e realizzazione testata Sergio Carravetta - chef@lagrille.net
Tutti gli articoli sono sotto licenza Creative Commons, pertanto posso essere riportati a condizione di citare l'autore e la fonte.
Privacy Policy | Cookie Policy