Altrenotizie - Fatti e notizie senza dominio

Mer
3 Giugno 2015
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Cinema

Lo straordinario viaggio di T.S. Spivet

Lo straordinario viaggio di T.S. Spivet

di Sara Michelucci

Un viaggio al contrario, rispetto al mito della frontiera americana. Da ovest verso est. Lo straordinario viaggio di T.S. Spivet scritto e diretto da Jean-Pierre Jeunet, e ispirato al romanzo Le mappe dei miei sogni di Reif Larsen, stupisce lo spettatore, non solo per l’uso azzeccato della tecnologia, ma anche per la capacità di raccontare in maniera originale e mai scontata la vicenda di questo ragazzo prodigioso.

T.S. Spivet vive in un ranch nel Montana con la madre (la brava Helena Bonham Carter) che è ossessionata con la morfologia dei coleotteri; il padre, un cowboy nato cento anni in ritardo, e sua sorella di 14 anni, la quale sogna di diventare Miss America. T.S. è un ragazzo prodigio di 12 anni con la passione per la cartografia e le invenzioni scientifiche.

Un giorno, riceve una telefonata inaspettata dall’istituto Smithsonian, che gli comunica di aver vinto il primo premio Baird. Si tratta di un riconoscimento molto prestigioso per la sua scoperta della macchina del moto perpetuo. T.S viene invitato a un ricevimento in suo onore, per fare un discorso. Senza dirlo a nessuno, si mette su un treno merci e attraversa gli Stati Uniti per raggiungere Washington Dc.

Ma nella vita di T.S c’è anche Layton, il fratello gemello che è morto in un incidente nel fienile; nessuno ha mai parlato del fatto che T.S. fosse con lui quel drammatico giorno. Un peso che il ragazzo porta con sé e che gli condiziona la vita. Ma una volta arrivato allo Smithsonian, tutti sono sorpresi del fatto che T.S sia solo un ragazzo.

Il regista del fortunato film Il favoloso mondo di Amélie riesce a dosare bene uso della tecnologia 3D con una storia intensa e mai banale, dove l’immaginario serve per raccontare la vita di un bambino. Una realtà mai banale.

Lo straordinario viaggio di T.S. Spivet (Canada, Francia 2015)

REGIA: Jean-Pierre Jeunet
SCENEGGIATURA: Jean-Pierre Jeunet, Guillaume Laurant
ATTORI: Kyle Catlett, Helena Bonham Carter, Callum Keith Rennie, Judy Davis, Robert Maillet
FOTOGRAFIA: Thomas Hardmeier
MONTAGGIO: Hervé Schneid
PRODUZIONE: Epithète Films, Tapioca Films, Filmarto, BBR Productions, Gaumont, Cross Creek Pictures
DISTRIBUZIONE: Microcinema

 



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tomorrowland

Tomorrowland

di Sara Michelucci

Tomorrowland - Il mondo di domani dà nuova forza al genere fantascientifico, grazie alla capacità del regista Brad Bird di costruire una storia avvincente, vera e propria avventura ch...

Timbuktu

Timbuktu

di Sara Michelucci

Vincitore del premio della Giuria al Festival di Cannes 2014, Timbuktu , il nuovo film del regista mauritano, Abderrahmane Sissako, racconta uno spaccato interessante del fondamentalis...

Adaline - L'eterna giovinezza

Adaline - L'eterna giovinezza

di Sara Michelucci

Il mito dell’eterna giovinezza torna nuovamente al cinema con il nuovo film di Lee Toland Krieger. Adaline - L'eterna giovinezza ambienta il racconto negli anni trenta, dove una giovan...

Sarà il mio tipo?

Sarà il mio tipo?

di Sara Michelucci

Due personaggi completamente diversi tra loro. E nonostante le divergenze, la passione sboccia lo stesso. La nuova commedia di Lucas Belvaux, Sarà il mio tipo?, racconta la storia d’...

Pagina 1 di 82

Edicola internazionale

Internazionale.it
I link ai giornali di tutto il mondo

Le ragioni del no alla TAV

Notav

 

 

 

 


Appello per un ripensamento del progetto di nuova linea ferroviaria Torino – Lione, Progetto Prioritario TEN-T N° 6, sulla base di evidenze economiche, ambientali e sociali.

Leggi tutto

Cuba

Il terrorismo
contro Cuba
a cura di:
Fabrizio Casari
Sommario articoli

Libri

Silvia Mari - Il rischio
Scarica in PDF

Questo sito è ottimizzato per
 
Firefox

Syndicate

feed-image Feed Entries