Altrenotizie - Fatti e notizie senza dominio

Lun
6 Luglio 2015
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Esteri

La Grecia armata di dignità

La Grecia armata di dignità

di Fabrizio Casari

Un risultato straordinario e da nessuno immaginato quello che ha riconfermato ieri la Grecia di Tsipras al timone del paese. Oltre il sessanta per cento dei greci hanno detto un fragoroso NO alle minacce europee contenute nel terzo memorandum che gli strateghi tedeschi dai canini sporgenti avevano proposto. Alexis Tsipras ha così dimostrato di avere lungimiranza politica e abilità tattica, incassando un plebiscito che rafforza enormemente la sua vittoria elettorale di cinque mesi prima.

Le trattative con l’Unione Europea e con il complesso delle istituzioni internazionali politiche e finanziarie riprenderanno ora con un governo ellenico forte del consenso ottenuto e con un mandato a trattare di maggiore ampiezza rispetto a qualunque altro governante europeo.

L’Unione Europea ha subito una sconfitta cocente su due aspetti fondamentali. Il primo è quello meramente politico, visto che l’azione negoziale di Bruxelles e aggregati da sei mesi a questa parte è stata improntata dapprima nel provare ad d’impedire l’arrivo al governo di Syriza, e successivamente dal tentativo di far cadere il governo Tsipras.

Si voleva stabilire a suon di minacce fruscianti che un governo di sinistra non può avere legittimità in Europa e che comunque, ove succedesse, la coerenza tra quanto promesso in programma elettorale e gli atti di governo non è tollerabile. Lo schema è semplice: i governi nazionali non hanno più nessuna sovranità e sono governati dalla Commissione Europea, a sua volta governata da Berlino.

Il secondo aspetto è che l’impotenza politica si è accompagnata all’inconcludenza propagandistica, visto che il terrorismo mediatico scatenato contro la democrazia greca si è rivelato sterile, controproducente persino.

Il referendum, come ogni consultazione elettorale, ha fornito insieme al dato di merito un indirizzo politico chiaro. Atene non vuole uscire dall’Euro così come non è nemmeno immaginabile uscire dall’Europa, dove ci sta per storia, cultura e territorio e non per gentile concessione degli euro burocrati.

La ripresa dei negoziati non potrà non avere al centro la vera questione che giace sullo sfondo: l’insostenibilità, l’immoralità e l’illegittimità del debito greco. La richiesta di ulteriori aiuti attraverso il fondo salva stati ha come ovvia necessità quella di garantire la liquidità del sistema creditizio e la sostenibilità dei flussi correnti nel breve e medio termine, ma non comporta l’accettazione di quanto già rifiutato precedentemente.

Oggi si riuniranno Merkel e Hollande, che decideranno la strada da intraprendere, stretti tra la rabbia per la sconfitta patita e la necessità di fronteggiare le possibili tempeste sui mercati azionari e valutari e di non peggiorare ulteriormente agli occhi degli europei la percezione della Ue. Difficile immaginare se prevarranno i sentimenti di vendetta o la regionevolezza, propria dell'arte di governo, ma il rischio Grecia, ormai, riguarda forse più Bruxelles che Atene.

Perché quali che siano le opinioni sul voto referendario greco, è evidente che da ieri le ragioni di chi ritiene questo modello di Europa incompatibile con la ripresa economica e la sostenibilità sociale, oltre che il recupero della vocazione federalista del Vecchio Continente. Dal rigore di bilancio al fiscal compact, gli strumenti e i fini di una Europa a trazione tedesca e a vocazione bancaria non sono più tavole bibliche. Questo modello finanziario, fintamente ottuso ma in realtà dagli obiettivi precisi, ha cominciato, da ieri, a scricchiolare seriamente.

In fondo il significato del voto greco è qui: si può rischiare di morire ma non inginocchiarsi. Messaggio chiaro e forte che potrà essere udito anche dalla Spagna prossima al voto. La dignità può manifestarsi in forma epidemica. L’Europa pensava di piegare la Grecia, ma è la Grecia che ha cominciato a cambiare l’Europa.


 

USA, la strategia della guerra

USA, la strategia della guerra

di Michele Paris

Il Dipartimento della Difesa americano ha pubblicato questa settimana la nuova Strategia Militare per fronteggiare le “minacce” presenti e future con cui gli Stati Uniti sono chiamati ...

Cooperazione, missione trascurata

Cooperazione, missione trascurata

di Tania Careddu

Centotredici i Paesi a cui l’Italia destina fondi. Tremiladuecentottantasette le iniziative e i progetti nel mondo. 2.980.351,00 di euro il totale dei soldi impegnati nel 2013. Per la ...

Sentenza letale

Sentenza letale

di Michele Paris

La stessa Corte Suprema degli Stati Uniti che venerdì scorso era stata celebrata dai “liberal” americani per avere decretato la legalità dei matrimoni gay in tutto il paese, all’inizio...

Rifugiati: la legge oltre le sbarre

Rifugiati: la legge oltre le sbarre

di Emy Muzzi

LONDRA. A volte la giustizia agisce con un tempismo eccellente: proprio nel giorno del summit fallito sull’emergenza immigrazione a Bruxelles, l’Alta Corte della Gran Bretagna ha sospeso co...

Pagina 1 di 624

Edicola internazionale

Internazionale.it
I link ai giornali di tutto il mondo

Le ragioni del no alla TAV

Notav

 

 

 

 


Appello per un ripensamento del progetto di nuova linea ferroviaria Torino – Lione, Progetto Prioritario TEN-T N° 6, sulla base di evidenze economiche, ambientali e sociali.

Leggi tutto

Cuba

Il terrorismo
contro Cuba
a cura di:
Fabrizio Casari
Sommario articoli

Libri

Silvia Mari - Il rischio
Scarica in PDF

Questo sito è ottimizzato per
 
Firefox

Syndicate

feed-image Feed Entries