Altrenotizie - Fatti e notizie senza dominio

Lun
24 Novembre 2014
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Calcio

Milan-Inter, il pareggio degli errori

Milan-Inter, il pareggio degli errori

di redazione

La riscossa nel segno di Mancini non è arrivata, ma quello di ieri sera è per l'Inter un punto guadagnato. Il derby di Milano va in archivio con un pareggio giusto, frutto di un gioco bloccato a livello tattico, scarso a livello tecnico, ma con un ritmo più vivace del solito. Decidono un gol per tempo: il Milan passa con un bel piattone sul palo lungo firmato Menez, i nerazzurri rispondono con un diagonale lento ma preciso di Obi dal limite dell'area. A pesare, però, sono soprattutto le palle gol sprecate. E chi ha più da recriminare sono i rossoneri, che falliscono due clamorose occasioni per il 2-1: prima con El Shaarawy, che solo davanti ad Handanovic spara sulla traversa, poi con Bonaventua, che allo scadere tira fuori di un centimetro. Per i nerazzurri è Icardi a sbagliare: nel primo tempo a tu per tu con Diego Lopez, nella ripresa con una girata (non facile, per la verità) che pizzica l'incrocio.

Le indicazioni per i due allenatori, tuttavia, non mancano: Inzaghi potrebbe forse rassegnarsi al fatto che aspettare Torres non darà migliori risultati dell'attesa di Godot; Mancini sfata invece un mito mazzarriano e nel finale riesce a far giocare insieme Kuzmanovic, Guarin, Hernanez e Kovacic. Il giovane croato è però penalizzato dalla posizione di partenza, troppo defilata, e la fluidità della manovra ne risente non poco.

Le due milanesi continuano così a galleggiare a metà classifica: il Milan a 18 punti, l'Inter a 17. La distanza dalle due regine del Campionato è ormai abissale: in virtù delle vittorie in trasferta nei due anticipi (rispettivamente 3-0 sulla Lazio e 2-1 sull'Atalanta), la Juve viaggia a 31 punti, seguita dalla Roma a quota 28.

Rimane in terza posizione il Napoli (22 punti), che però getta alle ortiche un'occasione assai ghiotta. Al San Paolo gli uomini di Benitez vanno in vantaggio prima 2-0, poi 3-2, ma si fanno rimontare dal Cagliari e alla fine portano a casa un solo punto. E' certamente un risultato non insolito quando in campo c'è una squadra di Zeman, ma di recente anche il Napoli non scherza quanto a mancanza di equilibrio fra i reparti: Higuaìn va a segno per la quinta partita consecutiva e De Guman sta emergendo, ma la difesa colleziona errori di ogni tipo e non consente quasi mai agli azzurri di gestire in tranquillità i gol segnati.

Chance sprecata anche la Sampdoria (21 punti), che non riesce a tornare da sola nell'ultima casella buona per la Champions. I blucerchiati, infatti, si fanno fermare sull'1-1 dal Cesena (penultimo a quota 8), pur dominando in lungo e in largo per l'intera partita. Al gol dell'ex di Lucchini risponde l'autorete di Nica. Nel finale gli emiliani si salvano grazie a un filotto di parate prodigiose del portiere Leali.

L'ennesimo pareggio della giornata è quello fra Udinese (18 punti) e Chievo (terzultimo a 9): i friulano passano in vantaggio con il 200 gol in Serie A di Totò Di Natale, alla sua 400esima presenza, ma la festa viene rovinata nel finale da una cannonata a lunga gittata di Radovanovic.

Aspettando Genoa-Palermo, chiudono il quadro della giornata tre vittorie esterne. La più importante è quella della Fiorentina sul campo del Verona: al Bentegodi i viola passano con i gol di Gonzalo Rodriguez e Cuadrado, separati dal momentaneo pareggio di Nico Lopez su grande assist di Toni. La squadra di Montella arriva a 16 punti e supera così in classifica proprio il Verona, fermo a 14.

I veneti vengono scavalcati anche dal Sassuolo (15 punti), capace di vincere 1-0 in casa del Torino (12 punti). Eroi di giornata il portiere Consigli, che para un rigore a Sanchez Mino, e il pragmatico Floro Flores, che decide la partita con una zuccata a pochi minuti dalla fine, dopo che Zaza e Berardi aveva sbagliato l'impossibile sottoporta.

Infine, notte fonda per il Parma, che perde al decima partita su 12 e rimane ultimo a quota 6. Stavolta al Tardini passa l'Empoli, che vince grazie alle reti di Vesino e Tavano, bissando la vittoria della giornata precedente contro la Lazio e portandosi così a 13 punti.

 

Juve galactica, nubi su Mazzarri

Juve galactica, nubi su Mazzarri

di redazione

Con la Roma a tre punti dalla prima, tra Napoli, Sampdoria e Lazio la lotta per il terzo posto in classifica continua. Ma sia chi si trova al secondo che al terzo posto ha scarsa importanz...

Serie A, nebbia fitta su Milano

Serie A, nebbia fitta su Milano

di redazione

I due Golia milanesi cadono sotto i colpi di due piccoli David. Inter e Milan archiviano la decima giornata di Campionato con due sconfitte clamorose, entrambe per 2-0. A San Siro, nel pos...

Juve, il giorno della beffa

Juve, il giorno della beffa

di redazione

Dopo lo scontro diretto era a +3, poi è scesa a +1, poi ancora +3. E ora sono di nuovo pari. La Juventus si fa raggiungere dalla Roma in testa alla classifica a quota 22. A condannare i bi...

Allungo Juve, ruggito Napoli

Allungo Juve, ruggito Napoli

di redazione

Al contrario della Roma, la Juventus dimentica subito la delusione della Champions, anche se il peso specifico degli avversari affrontati non è paragonabile. I bianconeri hanno buon gioco ...

Pagina 1 di 41

Edicola internazionale

Internazionale.it
I link ai giornali di tutto il mondo

Le ragioni del no alla TAV

Notav

 

 

 

 


Appello per un ripensamento del progetto di nuova linea ferroviaria Torino – Lione, Progetto Prioritario TEN-T N° 6, sulla base di evidenze economiche, ambientali e sociali.

Leggi tutto

Cuba

Il terrorismo
contro Cuba
a cura di:
Fabrizio Casari
Sommario articoli

Libri

Silvia Mari - Il rischio
Scarica in PDF

Questo sito è ottimizzato per
 
Firefox

Syndicate

feed-image Feed Entries