Altrenotizie - Fatti e notizie senza dominio

Lun
30 Maggio 2016
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Economia

G7, il teatrino del nulla

G7, il teatrino del nulla

di Carlo Musilli

Parole altisonanti, risultati irrilevanti. Il G7 giapponese si è chiuso con le solite dichiarazioni magniloquenti, ma non è riuscito a indicare una strada plausibile per raggiungere gli obiettivi fissarti. Nel documento finale della riunione fra i 7 capi di Stato e di governo - una volta erano 8, ma ormai la Russia è fuori dal tavolo per motivi politici - si legge che “la crescita globale” è “una priorità urgente”.

La preoccupazione è ovvia, visto che le economie avanzate invece di accelerare sul cammino della ripresa rallentano, mentre le emergenti nel migliore dei casi perdono abbrivio (vedi la Cina) e nel peggiore entrano nel tunnel della contrazione (vedi il Brasile e l’ostracizzata Russia).

Ora, per rilanciare la crescita potenziale, in teoria, bisogna dosare tre strumenti: politica fiscale, politica monetaria e riforme strutturali. Il problema di fondo è che, come in varie riunioni precedenti, neanche stavolta i convitati del G7 sono riusciti a ricomporre la loro divisione di fondo.

Da una parte ci sono i sostenitori di politiche fiscali più accomodanti, con in prima fila il primo ministro giapponese Shinzo Abe (che deve fronteggiare, oltre alla mancata crescita, anche gli spauracchi decennali della deflazione e del debito pubblico lunare), dall’altra la solita Germania, che in ogni sede continua a opporsi strenuamente a qualsiasi utilizzo della leva fiscale. Del resto, l’economia tedesca è l’unica capace di trarre profitto dall’austerità altrui - che innesca la guerra delle esportazioni, in cui la vittoria teutonica è scontata, almeno al momento - per cui è comprensibile che a ogni longitudine del globo Berlino continui a contraddire chi cerca di convincerla a sterzare sulla strada dello sviluppo.

Di fronte a una contrapposizione così macroscopica, il G7 non è riuscito ad andare oltre il solito compromesso già affermato in vari comunicati del G20. Con l’obiettivo chimerico di una crescita non meglio precisata, tutti i membri del gruppo sono invitati a utilizzare le leve di politica economica a loro disposizione, ma senza che ciò comprometta la sostenibilità fiscale di ciascuno. In termini pratici, questo significa che, rispetto a ieri, non cambia assolutamente nulla.

Dal punto di vista politico, invece, un seppur minimo risultato è stato raggiunto. In sostanza, il G-7 è riuscito a restringere il perimetro del prossimo G20, che si terrà a settembre sotto la presidenza cinese, imponendo in agenda una serie di temi, come l’importanza degli investimenti infrastrutturali pubblici. Secondo il Fondo monetario internazionale, è da questa via che passa la soluzione del conflitto fra chi vorrebbe sostenere la domanda aggregata e chi preferisce intervenire sull’offerta tramite riforme strutturali. Potrebbe essere questo un modo per uscire dallo stallo, anche perché i recenti risultati delle presidenziali austriache hanno ricordato a tutti quanto l’inerzia in tema di politica economica stia giovando ai populismi di ogni Paese.

Finora, però, l’unica certezza è che le sole istituzioni delle economie avanzate ad adoperarsi più o meno all’unisono per incentivare la ripresa sono le banche centrali (anche se la Fed, che ha iniziato la politica espansiva ben prima della Bce, sta imboccando ora la strada del riassestamento dei tassi verso l’alto). I rendimenti a zero, se non negativi, e i programmi di acquisto bond non sono però sufficienti da soli a invertire il trend del rallentamento planetario.

Intanto, Abe ha ricorda ai suoi colleghi che il crollo del 55% del prezzo delle materie prime dal 2014 a oggi è analogo per entità a quello registrato prima del disastro di Lehman Brothers. La campana suona, ma le contromisure non arrivano. Quello che servirebbe, oltre all’intervento dei banchieri centrali, è una chiara strategia di politica economica espansiva da parte di chi detiene il potere esecutivo. E l’ultimo G7, come i precedenti, ci ha ricordato ancora una volta quanto siamo lontani dalla meta.

 

Brexit, la sindrome dell’abbandono

Brexit, la sindrome dell’abbandono

di Carlo Musilli

“Uno shock che metterebbe in pericolo l'economia mondiale”. Così i ministri delle Finanze del G7 hanno definito la possibile uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea. L’obiettivo...

Grecia, la giostra dei ricatti

Grecia, la giostra dei ricatti

di Carlo Musilli

Come ogni anno, Germania e Fondo monetario internazionale fanno ripartire la giostra dei ricatti alla Grecia. Lo schema è sempre lo stesso: per non collassare Atene ha bisogno di fondi...

Def, un altro pasticcio

Def, un altro pasticcio

di Antonio Rei

Nuovo Def, nuovo pasticcio. A dimostrazione dell’assunto secondo cui le stime macroeconomiche servono principalmente a rivalutare gli astrologi, nel nuovo Documento di Economia e Finanza...

Germania, il fantasma dell'equità

Germania, il fantasma dell'equità

di Carlo Musilli

Il modello di sviluppo della Germania è controproducente non solo per le altre economie europee, soffocate dalla corsa all'export che l'austerità impone, ma anche per lo stesso Pil ted...

Pagina 1 di 90

Edicola internazionale

Internazionale.it
I link ai giornali di tutto il mondo

Le ragioni del no alla TAV

Notav

 

 

 

 


Appello per un ripensamento del progetto di nuova linea ferroviaria Torino – Lione, Progetto Prioritario TEN-T N° 6, sulla base di evidenze economiche, ambientali e sociali.

Leggi tutto

Cuba

Il terrorismo
contro Cuba
a cura di:
Fabrizio Casari
Sommario articoli

Questo sito è ottimizzato per
 
Firefox

Syndicate

feed-image Feed Entries