Altrenotizie - Fatti e notizie senza dominio

Ven
24 Marzo 2017
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Televisione

Anche la Dandini fuori dalla Rai

Anche la Dandini fuori dalla Rai

di Mariavittoria Orsolato

Finalmente uno dei melodrammi estivi Rai è giunto all’epilogo, ma non stiamo parlando di soap-opera. Dopo mesi di dichiarazioni e smentite, è ora ufficiale l’addio a Rai3 di Serena Dandini e della ghenga di Parla con me. Per i pochi che non avessero seguito la querelle tra le due dame di viale Mazzini - la direttrice generale Lei e la Dandini, appunto - il motivo scatenante non è stato il solito mancato rinnovo dei contratti (ormai un classico delle polemiche che investono ciclicamente la Rai) ma la precisa volontà della direzione generale di realizzare il programma internamente alla Rai, decisione per altro in linea con la nuova policy aziendale sull’uso prioritario delle risorse interne.

Il format è infatti sempre stato prodotto dalla Fandango e anche i contratti in esclusiva di autori e conduttori afferiscono alla casa di produzione di Domenico Procacci. Una soluzione poco praticabile dunque, dal momento che Fandango non aveva la minima intenzione di cedere a buon mercato la suo quota di contratti all’azienda di viale Mazzini. Alla fine però si è arrivati a un compromesso, un accordo tanto necessario quanto auspicabile: una riduzione del 5% sui costi di realizzazione della Fandango in cambio della messa in onda. Portando il costo medio di una puntata da 35.000 a 32.000 euro, la Rai avrebbe potuto risparmiare all’incirca 300.000 euro - più di quanto non avrebbe fatto se avesse prodotto autonomamente il programma - ma al Cda, riunitosi ieri per discutere la questione, anche questa vantaggiosa proposta non è andata bene.

Nonostante il programma fosse già stato inserito nei palinsesti autunnali, e presentato di conseguenza agli inserzionisti per la raccolta pubblicitaria, con cinque voti contrari e quattro a favore la bozza di accordo presentata dal dg Lei dopo le trattative con Fandango è stata sonoramente bocciata. A mostrare il pollice verso - e a confermare i rumors secondo i quali l’allontanamento della Dandini fosse una questione assolutamente politica - sono stati i cinque consiglieri di maggioranza (Petroni, Rositani, Verro, Bianchi Clerici e Gorla), mentre hanno votato a favore invece i tre dell'opposizione (Rizzo Nervo, Van Straten e De Laurentiis) più il presidente Paolo Garimberti, schieratosi fin dall’inizio per mantenere in Rai Parla con me.

Una «decisione completamente politica, presa contro l'interesse dell'azienda, conseguente a un preciso mandato, del tutto politico» commenta a caldo Domenico Procacci, numero uno della Fandango. «Da questo momento - sottolinea il produttore - lavoriamo per cercare altre strade», ma quella di La7 sembra essere quella più facilmente percorribile.

A La7 la Dandini non porterebbe Parla con me, format ideato da lei ma di proprietà Rai, ma un nuovo programma, per il quale però non c’è ancora una bozza definitiva, anche se il tempo stringe per la nuova stagione tv, che sarà particolarmente intensa per La7. Con il probabilissimo arrivo della contessa Serena Dandini de Sylva si ricomporrà, in parte, una squadra già collaudata a Rai Tre: Paolo Ruffini dirigerà la tv di Telecom Italia Media a partire dal 10 ottobre mentre l’accoppiata Fazio e Saviano tornerà nell’estate 2012 con il Vieni via con me.

Se La7 prova a costruire un palinsesto in grado di dare del filo da torcere ai concorrenti, per quanto riguarda viale Mazzini la filosofia d’impresa è a dir poco tafazziana: il consiglio di amministrazione, nella medesima seduta in cui ha “spento” uno dei pochi programmi satirici sopravvissuti all’epurazione, ha preferito promuovere il reality trash L’isola dei famosi, anch’esso realizzato da una casa di produzione esterna (la Magnolia tv del gruppo De Agostini). Questa la considerazione fatta anche dal presidente Garimberti che ha affermato come sia «aziendalmente incomprensibile la decisione presa dalla maggioranza e - ha chiosato l’ex giornalista di Repubblica - mi rammarico che il consiglio si sia spaccato come non accadeva da mesi».

Ma la questione, oltre a sollevare le classiche rimostranze politiche, crea problemi prima di tutto economici. Come ha giustamente sottolineato il consigliere di minoranza Rizzo Nervo, a sole due settimane dalla partenza di Parla con me - programmata per il 27 settembre - sono state soppresse ben 4 seconde serate di Rai3 e nell’opporsi così ideologicamente al programma «non si è tenuto conto degli ingenti danni che derivano da un palinsesto profondamente diverso da quello che era stato presentato agli investitori pubblicitari».

Dopo l’addio della gallina dalle uova d’oro di Rai2, il discusso e ultimamente discutibile Michele Santoro, viale Mazzini perde dunque un’altra delle sue poche fonti di guadagno e nonostante la direzione generale Lei fosse stata salutata come garanzia di pluralismo e qualità, la deriva della tv di stato appare ormai evidente.

 

 

 

Lo chef diventa un prezzemolo

Lo chef diventa un prezzemolo

di Mariavittoria Orsolato

Se lo chef pluristellato Gordon Ramsay fosse uno degli ingredienti della sua cucina, sarebbe sicuramente il prezzemolo. Personaggio prima sconosciuto ai più, da quando il digi...

RAI privata, di dignità

RAI privata, di dignità

di Mariavittoria Orsolato

Contro il recente crollo delle borse e con una crisi globale sempre più galoppante ed insidiosa per le economie nazionali, non c’è asso nelle maniche dei governi primomondisti...

MTV: 30 anni e sentirli tutti

MTV: 30 anni e sentirli tutti

di Mariavittoria Orsolato

L’apollo 11 sulla rampa di lancio, il countdown, Armstrong che conficca sul suolo lunare il suo vessillo, non il classico stars&stripes ma una grande M cangiante con la di...

DTT: la rivoluzione del telecomando

DTT: la rivoluzione del telecomando

di Mariavittoria Orsolato

Poco più di anno fa, l’Autorità Garante delle Comunicazioni aveva varato con la delibera numero 366/10 la numerazione automatica dei canali per la tv digitale terrestre. Una d...

JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL

Edicola internazionale

Internazionale.it
I link ai giornali di tutto il mondo

Le ragioni del no alla TAV

Notav

 

 

 

 


Appello per un ripensamento del progetto di nuova linea ferroviaria Torino – Lione, Progetto Prioritario TEN-T N° 6, sulla base di evidenze economiche, ambientali e sociali.

Leggi tutto

Cuba

Il terrorismo
contro Cuba
a cura di:
Fabrizio Casari
Sommario articoli

Questo sito è ottimizzato per
 
Firefox

Syndicate

feed-image Feed Entries