Altrenotizie - Fatti e notizie senza dominio

Ven
24 Marzo 2017
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Calcio

Italia-Francia, disavVentura azzurra

Italia-Francia, disavVentura azzurra

di redazione

Inizia male l’era Ventura sulla panchina dell’Italia. Il 3-1 subito in casa per mano della Francia lascia pensare che il carattere impresso da Conte agli azzurri sia già un ricordo e sporca la storia della nazionale al San Nicola di Bari (fin qui, 9 vittorie e un pareggio), città che in passato aveva fatto la fortuna dell’attuale ct.

La partita è caratterizzata da due anomalie. Primo, a prodursi con costanza nella nobile arte del catenaccio-e-contropiede sono i francesi, non gli 11 di Ventura, che pure è un maestro di questo schema elementare (non a caso il momentaneo pareggio di Pellè arriva grazie a una ripartenza sulla fascia di Eder).

Secondo, gli errori più gravi degli italiani arrivano nell’unico reparto che eravamo abituati a considerare solido: la difesa. Tutti i gol dei nostri avversari sono figli di svarioni della nostra retroguardia: sull’1-0 di Matial, Chiellini buca la chiusura e Barzagli sbaglia il fuorigioco; il 2-1 di Giroud pesa ancora su Chiellini, che perde la marcatura; il 3-1 finale, invece, è figlio di una clamorosa ingenuità dell’esordiente Donnarumma, che su un cross sbagliato da Kurzawa si preoccupa di coprire al centro, mentre il pallone s’insacca sul primo palo.

I nostri avversari sono probabilmente superiori a livello tecnico, ma si limitano al minimo sindacale. Chiudono gli spazi al centro, lasciando che gli azzurri si dilettino in quelle decine di cambi di gioco che tanto piacciono al nostro allenatore. Il problema è che i francesi prosciugano la fonte del nostro gioco, mettendo in marcatura a uomo Giroud su De Rossi nel primo tempo e Gignac su Verratti nella ripresa.

Il compito d’impostare, perciò, ricade interamente sulla difesa. Un bel guaio, considerando l’assenza di Bonucci e del suo piede sinistro. Agli azzurri non resta che arrangiarsi passando il pallone ad Astori, che è un buon marcatore ma non certo un playmaker con visione di gioco. E infatti gli errori si sprecano.

Nei rari casi in cui riusciamo a raggiungere le fasce, peraltro, troviamo sbocchi solo sulla destra con Candreva. Nella ripresa la situazione migliora sulla catena di sinistra con l’ingresso di Florenzi al posto di De Sciglio, ma la manovra è comunque troppo lenta e prevedibile. Mancano le sovrapposizioni, le triangolazioni, i movimenti senza palla. Raramente riusciamo a mettere in difficoltà gli esterni difensivi di Deshamps e il povero Pellè rimane ancorato in mezzo a tre giganti francesi, aspettando palloni che non arrivano mai.

L’unica nota positiva della serata è che, finalmente, hanno esordito con la maglia della nazionale maggiore Rugani, Belotti e Donnarumma (d’accordo, ha sbagliato, ma ha pur sempre 17 anni ed è indiscutibilmente il successore di Buffon). A volersi concedere una considerazione frivola, è davvero bella anche la nuova divisa sfoggiata dagli azzurri, probabilmente la più elegante da molti anni a questa parte.

Per il resto, il confronto Ventura-Conte può sembrare ingeneroso dopo una sola partita, ma è inevitabile. Il tecnico genovese è un vecchio maestro del calcio spumeggiante di provincia, un uomo capace di portare il Torino in Europa League e di fargli perfino sbancare un fortino come il San Mamés di Bilbao. Ma su palcoscenici internazionali di questo spessore non ha esperienza, e si vede.

Non prova neanche a scardinare la gabbia tattica preparata da Dechamps: ha in mente una sola idea di gioco e la porta vanti qualsiasi cosa accada. In più, non si fa sentire dalla panchina. Non urla, non minaccia i giocatori di morte ad ogni passaggio in orizzontale sbagliato come faceva Conte. Non tiene alta la tensione agonistica, né la concentrazione. E questo, alla fine, fa la differenza. 

 

Roma e Inter flop, vola Genova

Roma e Inter flop, vola Genova

di redazione

Ancora una beffa per la Roma e per l’Inter. I giallorossi, in cerca di riscatto dopo il disastro dei preliminari di Champions col Porto, si fanno rimontare dalla loro tradizionale bestia n...

La Serie A riparte: una sola X

La Serie A riparte: una sola X

di redazione

Il tandem Juventus-Roma riprende da dove aveva lasciato, mentre il Milan vince grazie alle prodezze dei suoi unici due giocatori di livello e il Napoli evita la sconfitta facendo segnare l...

Le porte girevoli dell’Inter

Le porte girevoli dell’Inter

di Fabrizio Casari

Non è stato proprio un fulmine a ciel sereno quello che si è abbattuto sull’Inter. Il divorzio consensuale tra Mancini e la società nerazzurra, secondo in carriera, era nell’aria da ...

Il Diavolo diventa rosso

Il Diavolo diventa rosso

di Fabrizio Casari

Alla fine, dopo i vari Mr. Bee ed associati, Mendes e aggregati, la telenovela sulla vendita del Milan è finita. Firmato l’atto preliminare di vendita per la somma di 740 milioni di ...

JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL

Edicola internazionale

Internazionale.it
I link ai giornali di tutto il mondo

Le ragioni del no alla TAV

Notav

 

 

 

 


Appello per un ripensamento del progetto di nuova linea ferroviaria Torino – Lione, Progetto Prioritario TEN-T N° 6, sulla base di evidenze economiche, ambientali e sociali.

Leggi tutto

Cuba

Il terrorismo
contro Cuba
a cura di:
Fabrizio Casari
Sommario articoli

Questo sito è ottimizzato per
 
Firefox

Syndicate

feed-image Feed Entries