Altrenotizie - Fatti e notizie senza dominio

Gio
2 Ottobre 2014
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Ciao Carlo

Ciao Carlo

di Fabrizio Casari

Carlo Benedetti ci ha lasciato. Una morte improvvisa, che ci priva di un amico e un compagno d’avventure. Una passione politica e giornalistica, quella di Carlo, che ha caratterizzato una carriera straordinaria. E' stato il testimone dall'Unione Sovietica e delle sue diverse fasi storiche e contemporaneamente, nel suo ruolo di corrispondente da Mosca per l’Unità, del percorso parallelo del Pci che, anche attraverso il progressivo affrancamento da Mosca, descriveva il suo processo di mutazione genetica.

Non divenne mai un arruolabile alla causa della sinistra impegnata a dimostrare che non era più tale. Rimase fedele ai suoi ideali e coerente nel difenderli, fosse attraverso un giornale o attraverso un partito; e diverse furono le testate e diversi i partiti dove prestò penna e cuore, perché Carlo fu giornalista e uomo di partito, cronista e scrittore, ma di una bandiera sola.

Indagò senza incertezze e senza nostalgie la nuova Russia e il suo declino morale e politico. La Cecenia, che con la sua sporca guerra divenne un simbolo forte di questa degenerazione, è stata una vicenda storica sulla quale Carlo scrisse senza sosta articoli e libri, denunciandone senza sconti il disegno criminale.

Solo lui poteva farlo con la competenza e la conoscenza di un paese che è stato sempre il “suo” paese. Le vicende di tutto l’Est Europa e del sud est asiatico l’hanno riguardato e le ha seguite con acume e abilità giornalistica. Scriveva prima di chiunque altro quello che sarebbe successo. Giornalista e scrittore di razza purissima, gli dicevo sempre che quello che non sapeva della Russia e dei suoi popoli poteva essere scritto dietro a un francobollo.

Ci sarebbe tanto da raccontare sulla sua vita, piena di affetti e legami duraturi, tipici di un uomo che, pur testimone di cambiamenti epocali, non si perdeva certo dentro le mode del momento, verso le quali, anzi, avanzava perplessità o critiche feroci. Non era uomo che si ricollocava secondo le necessità della contingenza: sapeva cogliere il gusto del cambiamento senza ripudiare niente, meno che mai se stesso e i suoi ideali.

Un uomo allegro e spiritoso, capace di dissacrare qualunque fatto e qualunque teoria; mite ma tutt’altro che ingenuo, gentile e delicato. Questo era Carlo. Un testimone delle pagine di storia più interessanti del nostro tempo nel quale la sua passione per la professione ha vissuto in un matrimonio felice con i suoi ideali socialisti.
 
Per me é un lutto durissimo, legato a lui com'ero dai tempi di Liberazione, dove lavorare con lui agli Esteri e poi averlo come Direttore, è stato un piacere grande oltre che una scuola. Se ne va uno dei giornalisti migliori che ho mai conosciuto e che non aveva rinunciato mai, nemmeno ultrasettantenne, a scrivere e raccontare.

Aveva abbracciato l’avventura di Altrenotizie con entusiasmo, ricordandomi sempre che la grandezza del giornalismo non risiede nel denaro degli editori, ma in chi scrive. Che non rimanere in silenzio era l’unico compito cui non era possibile sottrarsi. La scomparsa di Carlo è una perdita grande, per chi gli ha voluto bene personalmente e per chi ha imparato ad apprezzarlo leggendo i suoi scritti.

Ha fatto la vita che voleva fare. Nessuno schema riusciva ad imprigionarlo. E se n’è andato senza avvisare, come sua abitudine. Chi lavorava con lui, del resto, era abituato alle sue fughe e ai suoi ritorni. Non sempre sapevi dove si trovasse, ma potevi esser certo che, quando ce ne fosse stato bisogno, lui ci sarebbe stato. E ci sarà sempre.

 

 

Ma è sempre colpa del Colle?

Ma è sempre colpa del Colle?

di Fabrizio Casari

Sono diverse le questioni politiche che vivono all’ombra dell’ennesimo regalo che il capo del governo si è concesso. Il decreto - l’ennesimo - con il quale ha azzerato il potere disc...

Vendola travolge D'Alema

Vendola travolge D'Alema

di Fabrizio Casari

La vittoria di Nichi Vendola su Francesco Boccia alle primarie del PD per la scelta del candidato alle prossime regionali in Puglia è risultata schiacciante. Oltre il 73 per cento de...

Quaranta anni dopo

Quaranta anni dopo

di Fabrizio Casari

Un giorno come tanti che si rivelò diverso dai tanti. In quel 12 Dicembre del 1969, insieme all’ordigno esploso nella Banca Dell’Agricoltura di Milano, la convivenza civile deflagrò ...

Effetto Slashdot

Effetto Slashdot

di Alessandro Iacuelli

Lo chiamano proprio così, quanto avvenuto nel pomeriggio del 16 novembre ad Altrenotizie.org . Lo chiamano "Effetto Slashdot". Per causa sua, durante cinque ore, ieri il nostro sit...

  • «
  •  Inizio 
  •  Prec. 
  •  1 
  •  2 
  •  3 
  •  4 
  •  Succ. 
  •  Fine 
  • »
Pagina 1 di 4

Edicola internazionale

Internazionale.it
I link ai giornali di tutto il mondo

Le ragioni del no alla TAV

Notav

 

 

 

 


Appello per un ripensamento del progetto di nuova linea ferroviaria Torino – Lione, Progetto Prioritario TEN-T N° 6, sulla base di evidenze economiche, ambientali e sociali.

Leggi tutto

Cuba

Il terrorismo
contro Cuba
a cura di:
Fabrizio Casari
Sommario articoli

Libri

Silvia Mari - Il rischio
Scarica in PDF

Questo sito è ottimizzato per
 
Firefox

Syndicate

feed-image Feed Entries