Altrenotizie - Fatti e notizie senza dominio

Lun
16 Ottobre 2017
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Pescati nella Rete

Siria, ribelli criminali di guerra

Siria, ribelli criminali di guerra

di  Nena News

Roma, 17 settembre 2012. I gruppi di opposizione al regime di Bashar al Assad si sono macchiati di crimini di guerra. È il contenuto del nuovo rapporto di Human Rights Watch, commissionato dalle Nazioni Unite, che avvertono: l'escalation di violenza in Siria è da imputare alla presenza crescente di combattenti stranieri.

Dopo le ripetute condanne al governo siriano, considerato responsabile di arresti di massa e torture, oggi nel mirino dell'ONU e dell'organizzazione per i diritti umani Human Rights Watch finiscono i gruppi di opposizione: nel nuovo rapporto sono documentate decine di esecuzioni sommarie e atti di tortura compiuti dai ribelli ad Aleppo, Idlib e Latakia.

L'Esercito Libero Siriano, tra i principali gruppi di opposizione, ha dichiarato di voler porre fine alle violenze, dopo la pubblica esecuzione ad Aleppo di 14 membri di un clan vicino a Assad. Una dichiarazione che non accontenta le organizzazioni per i diritti umani: "Il vero test è il comportamento reale delle opposizioni - ha commentato il vice direttore di HRW per il Medio Oriente, Nadim Houry - Le opposizioni hanno sempre detto di voler lottare contro il governo per le sue orrende violazioni dei diritti umani. Ora è tempo che le opposizioni mostrino che cosa intendono".

E da Ginevra si aggiunge la voce delle Nazioni Unite. Il Consiglio per i Diritti Umani dell'ONU, che ha commissionato a HRW il rapporto, ha parlato di una "crescente e allarmante presenza di elementi islamici stranieri in Siria". Ovvero, combattenti provenienti dall'estero che stanno radicalizzando il conflitto siriano e provocando un'escalation delle violenze.

"Gravi violazioni dei diritti umani sono aumentate di numero e intensità", ha detto il responsabile delle indagini per il Consiglio dell'ONU, Paulo Pinheiro. Pinheiro ha inoltre rivelato una lista segreta con i nomi di siriani sospettati di aver commesso crimini di guerra e per questo perseguibili a livello internazionale. Individui membri sia del governo di Assad che dei gruppi di opposizione al regime.

 

Algeria: lo spettro dei brogli

Algeria: lo spettro dei brogli

di Giorgia Grifoni

Alle elezioni algerine ha trionfato le pouvoir, come i cittadini qui designano il regime. “Impossibile -  ribatte l’analista politico Lahouari Addi de l’Institut d’Etudes Politiques ...

Il mito infranto di al Jazeera

Il mito infranto di al Jazeera

di  Nena News  

Roma, 17 marzo 2012. La molto mitizzata al Jazeera perde pezzi. A causa della sua copertura faziosa della crisi in Siria e anche della crisi nel piccolo Bahrain, una primavera araba che n...

Mosca e il Nuovo Ordine Mondiale

Mosca e il Nuovo Ordine Mondiale

di Imad Fawzi Sheibi*

Alcuni scommettono che, come d’abitudine, avverrà un cambiamento nella posizione russa verso la regione araba, simile a quello che avvenne nel caso iracheno e in quello libico. Tu...

Homs: un reportage diverso

Homs: un reportage diverso

di Silvia Cattori 

Roma. L’opposizione siriana riferisce di una strage compiuta dai miliziani filo governativi shabbiha. I cadaveri di 64 giovani di Homs, tra i quali numerose donne,  fuggiti domenica d...

JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL

Edicola internazionale

Internazionale.it
I link ai giornali di tutto il mondo

Le ragioni del no alla TAV

Notav

 

 

 

 


Appello per un ripensamento del progetto di nuova linea ferroviaria Torino – Lione, Progetto Prioritario TEN-T N° 6, sulla base di evidenze economiche, ambientali e sociali.

Leggi tutto

Cuba

Il terrorismo
contro Cuba
a cura di:
Fabrizio Casari
Sommario articoli

Questo sito è ottimizzato per
 
Firefox

Syndicate

feed-image Feed Entries