Altrenotizie - Fatti e notizie senza dominio

Mar
27 Giugno 2017
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Bahrain: nuovo raduno a Manama

Hits smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

di Michele Giorgio 

Manama. 4-3-2011. Nena news. La scelta di andare all'incontro con la monarchia serve anche a scongiurare sul nascere il tentativo del regime e degli oltranzisti sunniti di portare la protesta sul terreno di uno scontro etnico e religioso. «Non chiediamo i nostri diritti come sciiti ma come cittadini di questo paese. In Piazza della Perla non ci sono sciiti o sunniti ma solo abitanti del Bahrain».

Ali al Jallawi parla stringendo forte in una mano il volantino dell’annuncio con il quale i sei movimenti politici in lotta a Manama dal 14 febbraio, ieri hanno fatto sapere di essere disposti ad avviare il dialogo con il principe ed erede al trono Salman bin Hamad Al Khalifa. Jallawi è uno dei tanti giovani del Bahrain che partecipano alla rivolta contro il potere - politico, sociale ed economico – da 200 anni nelle mani dei sunniti, rappresentati dalla dinastia Khalifa.

Una lotta pacifica ma costata sino ad oggi la vita di sette dimostranti. Persone innocenti uccise dal fuoco della polizia e dell’esercito durante una delle notti più tragiche ed insaguinate della storia di questo ricco ma minuscolo arcipelago del Golfo, hub finanziario ma, soprattutto, sede della base della V Flotta degli Stati Uniti, dove due portaerei e 30 navi da guerra affermano la potenza di Washington davanti alle coste iraniane, in acque dove transita il 40% del petrolio mondiale.

Fino a due giorni fa il fronte delle opposizioni sciite, rappresentante il 70% della popolazione, aveva ripetuto che le dimissioni del governo erano la precondizione per il dialogo. L’apertura alla monarchia perciò è materia di dibattito su Piazza della Perla, che assomiglia parecchio alla Tahrir egiziana schierata contro l’ex raìs Hosni Mubarak. La presenza costante di dimostranti è assicurata dalle decine di tende issate sulle aioule e da un sistema di solidarietà e assistenza ben organizzato in ogni aspetto: dalla preparazione di pasti caldi alla distribuzione di documenti politici. Uno spazio che si anima e popola di decine di migliaia di persone ogni sera, fino a tarda notte con dibattiti, conferenze, discussioni. Di giorno, cortei di giovani dalla piazza si muovono in continuazione per diverse centinaia di metri sulla via Salmaniyeh e poi tornano indietro scandendo slogan. Uno su tutti: il popolo vuole la caduta del regime. Come al Cairo.

Ma a differenza dell’Egitto la protesta a Manama non ha portato alle tanto desiderate dimissioni del primo ministro, sheikh Salman bin Salman al Khalifa, responsabile del bagno di sangue di metà febbraio quando i carri armati del regime entrarono in Piazza della Perla nel cuore della notte per allontanare i dimostranti, compiendo una strage. La scelta di andare al dialogo con il regime non è un passo indietro secondo Ibrahim Sharif, leader del partito progressista Waad e soprattutto personalità sunnita in prima linea nella lotta per i diritti degli sciiti. «E’ un modo per ribadire le nostre posizioni e per affermare che il popolo di Piazza della Perla è pacifico e vuole una soluzione concordata», ha spiegato ieri Sharif durante una conferenza stampa a Manama. «Ma ci attediamo molto dall’incontro con il principe ereditario, a cominciare dall’abrogazione del Costituzione del 2002», ha aggiunto il leader del Waad riferendosi all’introduzione nove anni fa della «nuova» carta costituzionale che abolì i pochi diritti garantiti alla maggioranza sciita. In ogni caso la lotta continua. Oggi è prevista una nuova immensa manifestazione delle opposizioni e del movimento dei giovani, che dal quartiere delle ambasciate confluirà su Piazza della Perla.

La scelta di andare al dialogo è anche un modo per scongiurare sul nascere il tentativo del regime e degli oltranzisti sunniti di portare la protesta sul terreno di uno scontro etnico e religioso. «In Piazza della Perla è in corso una sommossa sciita sostenuta dall’Iran, quel luogo deve ritornare sotto il controllo delle autorità», ha incitato l’altro giorno lo sceicco Abdel Aziz Mahmud rivolgendosi alle decine di migliaia di sunniti che hanno manifestato davanti alla moschea al Fateh in sostegno della monarchia. «E’ stato un discorso incendiario» - dice Ali al Jallawi - «mentre la protesta cominciata il 14 febbraio vuole costruire un Bahrain migliore per tutti, non solo per gli sciiti».

 

Edicola internazionale

Internazionale.it
I link ai giornali di tutto il mondo

Le ragioni del no alla TAV

Notav

 

 

 

 


Appello per un ripensamento del progetto di nuova linea ferroviaria Torino – Lione, Progetto Prioritario TEN-T N° 6, sulla base di evidenze economiche, ambientali e sociali.

Leggi tutto

Cuba

Il terrorismo
contro Cuba
a cura di:
Fabrizio Casari
Sommario articoli

Questo sito è ottimizzato per
 
Firefox