Altrenotizie - Fatti e notizie senza dominio

Mar
17 Ottobre 2017
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Contenuti

Obama: Israele é stato ebraico

Obama: Israele é stato ebraico

di Nena News

Gerusalemme, 17 maggio 2011. Il quotidiano di Tel Aviv Yediot Ahronot pubblica oggi la bozza del discorso al mondo arabo che il presidente Usa pronuncerà giovedì. Sul New York Times invece Abu Mazen chiede riconoscimento Stato palestinese. Nel nuovo discorso rivolto al mondo arabo che pronuncerà giovedì sera, il presidente americano Barack Obama chiederà ai palestinesi di riconoscere Israele come «Stato degli ebrei» e si esprimerà con forza contro la proclamazione unilaterale d’indipendenza palestinese che il presidente dell’Anp Abu Mazen intenderebbe fare il prossimo settembre.

Sottolineando che il documento non contiene dichiarazioni nettamente discordanti dalla linea del premier israeliano Netanyahu, Yediot Ahronot aggiunge che Obama chiederà a israeliani e palestinesi di riprendere il negoziato, come unica strada per raggiungere una «pace stabile», e a Netanyahu dirà di non espandere le colonie israeliane nei Territori occupati palestinesi. Allo stesso tempo si esprimerà a favore di Gerusalemme capitale non solo di Israele ma anche di un possibile Stato palestinese.

Secondo il giornale il presidente Usa avrebbe modificato nella direzione di Israele il suo discorso dopo il veemente discorso pronunciato alla Knesset da Netanyahu, nel quale il premier israeliano ha ribadito con forza che Israele non cederà mai il controllo di tutta Gerusalemme, della Valle del Giordano e dei blocchi di colonie ebraiche in Cisgiordania.

Il riconoscimento palestinese di Israele come Stato ebraico è il punto sul quale batte ormai da due-tre anni a questa parte l’establishment politico israeliano, di destra e di centrosinistra. Una richiesta mai presentata ai passati tavoli di trattativa volta, di fatto, ad ottenere l’annullamento del «diritto al ritorno» alle loro case (in territorio israeliano) per i profughi palestinesi del 1948 (oggi oltre 4 milioni) sancito dalla risoluzione 194 dell’Onu. Israele sostiene che applicando il «diritto al ritorno» perderebbe il suo carattere «ebraico e sionista».

Intanto oggi sul New York Times, Abu Mazen ha sottolinea che «I negoziati rimangono la nostra prima opzione, ma dato il loro fallimento siamo costretti a rivolgerci alla comunità internazionale…non possiamo aspettare indefinitamente mentre Israele manda nuovi coloni nella Cisgiordania occupata e nega ai palestinesi l’accesso alla maggior parte delle nostre terre e luoghi santi, in particolare Gerusalemme». «Né le pressioni politiche, né le promesse di ricompensa da parte degli Stati Uniti hanno fermato il programma israeliano degli insediamenti», aggiunge. Secondo il presidente dell’Anp «l’ammissione della Palestina all’Onu aprirebbe la strada all’internazionalizzazione del conflitto come questione legale, non solo politica - sostiene - ci permetterebbe di citare Israele davanti all’Onu, gli organismi per i diritti umani e la corte internazionale di giustizia».

 

 

Gli schiavi del volantinaggio

Gli schiavi del volantinaggio

di Mauro Covacich

Un'organizzazione di indiani con sede nell'ovest vicentino, al centro di un vasto giro di volantinaggio illegale fatto di lavoro nero, evasione e frode fiscale, è stata sgominata dall...

Ue: sanzioni solo alla Siria

Ue: sanzioni solo alla Siria

di Nena News 

Roma, 06 maggio 2011. Potrebbero diventare operative già lunedì prossimo le prime misure restrittive dell’Unione europea (Ue) contro la Siria che verranno approvate oggi dai 27 paesi membri...

Al Cairo l’accordo Hamas-Fatah

Al Cairo l’accordo Hamas-Fatah

di  Nena News 

Roma, 4 maggio 2011. E’ in corso al Cairo, alla presenza del presidente dell’Anp Abu Mazen e del leader di Hamas Khaled Mashaal, la firma dell’accordo di riconciliazione tra Fatah e il mov...

Libia: assalto ai fondi sovrani

Libia: assalto ai fondi sovrani

di Manlio Dinucci

L’obiettivo della guerra in Libia non è solo il petrolio, le cui riserve (stimate in 60 miliardi di barili) sono le maggiori dell’Africa e i cui costi di estrazione tra i più bassi de...

JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL

Edicola internazionale

Internazionale.it
I link ai giornali di tutto il mondo

Le ragioni del no alla TAV

Notav

 

 

 

 


Appello per un ripensamento del progetto di nuova linea ferroviaria Torino – Lione, Progetto Prioritario TEN-T N° 6, sulla base di evidenze economiche, ambientali e sociali.

Leggi tutto

Cuba

Il terrorismo
contro Cuba
a cura di:
Fabrizio Casari
Sommario articoli

Questo sito è ottimizzato per
 
Firefox

Syndicate

feed-image Feed Entries