Altrenotizie - Fatti e notizie senza dominio

Mar
17 Ottobre 2017
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Contenuti

Homs: un reportage diverso

Homs: un reportage diverso

di Silvia Cattori 

Roma. L’opposizione siriana riferisce di una strage compiuta dai miliziani filo governativi shabbiha. I cadaveri di 64 giovani di Homs, tra i quali numerose donne,  fuggiti domenica dal quartiere di Bab Amro sarebbero stati ritrovati fuori dalla città.  Ma dal quartiere assediato giungono resoconti di segno ben diverso, che riferiscono anche di crimini compiuti dai ribelli armati.

Homs, ormai, non è altro che un sinistro campo di battaglia dove i soldati governativi affrontano gruppi armati che, secondo testimonianze indipendenti sulla vera natura della ribellione, sparano cannonate alla cieca per seminare terrore e morte, facendo poi credere essere unicamente le forze del governo a martellare la città.

I media occidentali continuano, da parte loro, a menzionare come prova le dichiarazioni dei Comitati locali che diffondono la propaganda degli «oppositori» armati, in coordinamento con l’Osservatorio siriano dei Diritti dell’Uomo, con base a Londra, un organo creato e finanziato dalle forze alleate con la ribellione [1].

Per capire quanto succede in Siria, non è dunque possibile fare affidamento sull’Osservatorio siriano o sui blogger che sono parte integrante di questa ribellione; tantomeno sugli inviati speciali che constatiamo essere sistematicamente anima e corpo dalla parte degli «oppositori» armati, che loro qualificano come «eroi», e che presentano la battaglia che divide il popolo siriano in una luce del tutto manichea: da una parte l’opposizione che «lotta per la democrazia», dall’altra il terribile dittatore.

Ora, le cose non stanno così. Come è stato da ultimo dimostrato da un recente sondaggio nonché dalle massicce manifestazioni di sostegno al veto russo e cinese all’Onu, la grande maggioranza del popolo siriano non vuole questa rivolta armata che cerca unicamente di legittimare le potenze della Nato e taluni Stati arabi - notoriamente grandi paladini della democrazia - come il Qatar. Se si deve parlare di «eroi» in Siria, allora si deve fare riferimento a tutte le parti che soffrono, e non solamente agli «eroi» che riconosce l’Occidente…

Quanti missili Milan sono stati consegnati ai ribelli?

Sono numerosissimi i cittadini siriani che si appellano al loro presidente affinché le forze governative intervengano. A Homs soprattutto, dove la situazione è allarmante per ampi settori della popolazione, presi in ostaggio da questi gruppi che occupano intere zone della città - i quartieri di Baba Amr, Khaldiyeh, Karm el-Zeytoun - dove le persone chiamano da mesi Damasco affinché li soccorra [2].

La loro sorte è diventata ancor più fonte d’angoscia da quando i ribelli fanno uso dei lancia-missili anticarro Milan che erano stati consegnati ai ribelli libici durante la campagna di Libia, meno di un anno fa, da Francia e Qatar. Ci possiamo ricordare come Bernard Henry Levy e Sarkozy avessero all’epoca ingannato l’opinione pubblica attribuendo alle forze fedeli a Gheddafi l’uso di questi missili Milan che mietevano vittime in Libia.

È lo stesso inquietante scenario che si ripete in Siria. I politici, le ONG e i giornalisti, fanno ancora una volta una scelta di campo a favore della guerra che gruppi strumentalizzati dalle potenze straniere provocano. Attribuiscono alle forze governative - come in passato in Libia, senza alcuna seria verifica - gli atti di barbarie perpetrati dagli «oppositori» armati che terrorizzano la maggioranza della popolazione.

Da tre settimane i commentatori ripetono che Homs è cannoneggiata unilateralmente dall’esercito siriano. Al contrario, i contingenti lealisti attaccati dai missili Milan hanno subito numerose perdite dall’inizio del loro intervento. Non è chiaro se le autorità di Damasco riusciranno a sloggiare questi gruppi dotati di armamento pesante da tutti i quartieri della città in cui si sono infiltrati. Poteva il governo siriano non reagire?

È stato ripetutamente dimostrato - fin dall’inizio di questi combattimenti - che gli «oppositori» armati sono addestrati, inquadrati e formati da forze speciali straniere; che tra le loro fila gli oppositori hanno elementi che agiscono per conto di potenze straniere la cui presenza in Siria è lampante. La televisione siriana ha diffuso negli scorsi giorni le immagini recenti di Homs riprese da un «fotoreporter di guerra» straniero che ha seguito e filmato in un quartiere della città questi «oppositori» armati - gli stessi che i «grandi reporter» glorificano - che lanciano razzi e missili all’impazzata. Un’immagine ha attirato l’attenzione: all’interno di un edificio, con le scale imbrattate di sangue, gli arredamenti distrutti, campeggiava su un muro una scritta sorprendente e dal significato pesante: «Da Misurata, dopo aver liberato la Libia, siamo venuti a liberare la Siria!».

Chi sono i responsabili dei massacri di Homs, che obiettivi perseguono?

Questi gruppi armati, le cui azioni più efferate sono attribuite ai soldati di el-Assad che li fronteggiano, sono sistematicamente presentati dalla stampa occidentale come «oppositori» che lottano per la «democrazia».

Perché i «grandi reporter» non riportano mai le testimonianze su siriani vittime di rapimenti, torture, omicidi, da parte di questi «oppositori» armati? Perché, ancora di recente, il presidente di “Medici senza frontiere” si è aggiunto a questa operazione di intossicazione mostrando come degne di fede le testimonianze di Siriani anonimi - col volto celato - schierati coi ribelli che attribuivano alle forze di el-Assad ed ai medici degli ospedali atti indicibili di tortura su feriti e bambini? [3]

Chi potrebbe credere essere nell’interesse di Bashar el-Assad di torturare il suo popolo, violentare bambini e ragazzine? Chi può credere che il popolo siriano continui a sostenere in maggioranza Bashar el-Assad se fosse quel torturatore sanguinario dipinto in Occidente a fini di propaganda di guerra?

Queste incessanti campagne che prendono la difesa degli oppositori violenti, e non del popolo terrorizzato e oppresso da questi ribelli, sono pericolose. Mirano a portare acqua al mulino delle potenze - Francia, Gran Bretagna, Stati Uniti, appoggiate da Qatar e Arabia Saudita - che, da mesi, preparano nell’ombra il terreno per un intervento militare in Siria e non aspettano altro che il semaforo verde da parte di Obama.

Note:

[1] L’Osservatorio siriano dei Diritti dell’Uomo - che raccoglie le dichiarazione manipolate dalla Siria di diversi Comitati - è stato più volte denunciato come niente altro che un volgare strumento di disinformazione al servizio della rivolta. Malgrado le numerose prove che lo attestano, rimane sulla Siria la principale fonte - insieme ai famosi «grandi reporter» - su cui si poggia tutta la stampa occidentale che giorno dopo giorno propaga quanto riferito da questo osservatorio bidone.

[2] Si veda: «Una siriana che ha avuto il fratello ucciso a Homs dagli «oppositori», testimonia», racconto raccolto da Nadia Khost, 8 febbraio 2012. (http://www.silviacattori.net/article2790.html)

[3] Torneremo sul ruolo delle ONG che hanno contribuito ad alimentare la disinformazione che colpisce la Siria aumentando così il rischio di un intervento straniero; in particolare Amnesty international et Médecins sans frontières.
Fonte: http://www.silviacattori.net/article2861.html

Fonte: Nena News

 

L’Iran contro il suo presidente

L’Iran contro il suo presidente

di Eleonora Vio

Non si può dire che le elezioni parlamentari del 2 di marzo siano l’evento più atteso nell’instabile panorama geo-politico iraniano. Nonostante ciò, la prossima chiamata al voto per spa...

Siria, opposizione frammentata

Siria, opposizione frammentata

di Ika Dano 

Beit Sahour (Cisgiordania), 16 febbraio 2012. Dopo il doppio veto di Cina e Russia, il presidente francese Nicolas Sarkozy ha proposto la creazione di un forum delle forze d’opposizione si...

Iran: embargo a EU, si all'Asia

Iran: embargo a EU, si all'Asia

di Ika Dano

Roma, 09 febbraio 2012 . Sabato scorso il ministro iraniano del petrolio Rostam Qassemi ha annunciato che l’Iran bloccherà l’esportazione di petrolio verso alcuni stati europei e procederà p...

Medio Oriente, corsa al nucleare?

Medio Oriente, corsa al nucleare?

di Giorgia Grifoni

Il nucleare, in Medio Oriente, non s’ha da fare. Non è però una regola generale: vale solo per l’Iran. Se, dopo i virus informatici che hanno messo ko le centrali iraniane e i mister...

JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL

Edicola internazionale

Internazionale.it
I link ai giornali di tutto il mondo

Le ragioni del no alla TAV

Notav

 

 

 

 


Appello per un ripensamento del progetto di nuova linea ferroviaria Torino – Lione, Progetto Prioritario TEN-T N° 6, sulla base di evidenze economiche, ambientali e sociali.

Leggi tutto

Cuba

Il terrorismo
contro Cuba
a cura di:
Fabrizio Casari
Sommario articoli

Questo sito è ottimizzato per
 
Firefox

Syndicate

feed-image Feed Entries