Altrenotizie - Fatti e notizie senza dominio

Lun
24 Luglio 2017
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

L'altro volto della speranza

Hits smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

di Sara Michelucci

Un film che lascia il segno, quello girato dal bravo Aki Kaurismaki, L'altro volto della speranza. L'autore finlandese, ancora una volta, offre un'opera impeccabile dal punto di vista della regia, dove le immagini hanno un significato potente che va ben oltre il loro senso apparente. Allo stesso modo i personaggi, con una carica spiazzante, fatta di gesti lenti e dialoghi scarni, dove tutto sembra immutabile, mentre in realtà la forza del cambiamento è prepotente e senza sosta.

Il registro combina alla perfezione un umorismo d'altri tempi con una forza drammatica determinante per far comprendere allo spettatore la condizione in cui versano i personaggi. Wilkström è un rappresentante di camicie, che decide di mollare moglie e lavoro per dare una svolta alla sua vita. Grazie a una partita di poker, vince una grossa somma che gli permette di acquistare la gestione di un ristorante alla deriva, realizzando così il suo sogno.

La sua vita si incrocia con quella di Khaled, giovane rifugiato siriano che per poco non investe con la sua grossa auto. Il ragazzo si è imbarcato clandestinamente su una carboniera e si ritrova a Helsinki per caso. Anche lui vuole lasciarsi un triste passato alle spalle, ricominciando a vivere e cercando di ricongiungersi con sua sorella, unica sopravvissuta della sua famiglia.

Ma anche nella civile Finlandia le cose non sono così facili e l'integrazione è più una utopia che non una realtà. Le autorità, infatti, vorrebbero rispedire ad Aleppo Khaled, che se la deve vedere anche con dei picchiatori razzisti.

L'incontro con Wilkström, però, cambierà le cose e il ristorante La Pinta Dorata sarà il rifugio di una serie di personaggi che, insieme, tenteranno di trovare ciò che cercano. Il film si è aggiudicato anche l'Orso d'Argento al Festival di Berlino.

L'altro volto della speranza
(Finlandia 2016)

REGIA: Aki Kaurismäki
ATTORI: Sherwan Haji, Sakari Kuosmanen, Ilkka Koivula, Janne Hyytiäinen, Kaija Pakarinen
SCENEGGIATURA: Aki Kaurismäki
FOTOGRAFIA: Timo Salminen
MONTAGGIO: Samu Heikkilä
PRODUZIONE: Sputnik
DISTRIBUZIONE: Cinema

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Edicola internazionale

Internazionale.it
I link ai giornali di tutto il mondo

Le ragioni del no alla TAV

Notav

 

 

 

 


Appello per un ripensamento del progetto di nuova linea ferroviaria Torino – Lione, Progetto Prioritario TEN-T N° 6, sulla base di evidenze economiche, ambientali e sociali.

Leggi tutto

Cuba

Il terrorismo
contro Cuba
a cura di:
Fabrizio Casari
Sommario articoli

Questo sito è ottimizzato per
 
Firefox