Altrenotizie - Fatti e notizie senza dominio

Sab
21 Ottobre 2017
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Dybala incanta, Napoli da Wimbledon

Hits smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

di redazione

Nel giorno della sua 100esima partita con la maglia della Juventus, Paulo Dybala fa sfoggio di tutto il repertorio. Tiro da fuori, puntata alla calcio a cinque, punizione perfetta. Tripletta e Sassuolo schiantato 3-1 in casa. Per la Joya sono 8 gol in 4 partite di Campionato.

I bianconeri si risollevano così dalla batosta di Barcellona e raggiungono in vetta alla classifica a punteggio pieno l’Inter, vittoriosa sabato per 2-0 sul Crotone con le reti negli ultimi minuti di Skriniar e Perisic.

Ma a quota 12 punti c’è anche il Napoli, sempre più bello e spietato con le manovre d’attacco forgiate da Sarri. L’ultima vittima sacrificale sull’altare partenopeo è il Benevento, che esce dal San Paolo come un tennista suonato al primo turno di Wimbledon da Roger Federer. Al 32esimo il punteggio è già 4-0: Allan, Insigne (capolavoro a giro per il primo in Campionato), Mertens e Callejon. Nella ripresa altre due marcature di Mertens, entrambe su rigore. È 6-0.

Due lunghezze sotto il terzetto di testa si affaccia la Lazio, che – dopo la Supercoppa con la Juve e l’esordio in Europa League contro il Vitesse – vince un’altra partita 3-2. I biancocelesti si fanno raggiungere per due volte da Pellegri, autore di una doppietta in Serie A all’età 16 anni. Esatto, 16. Poi però Gentiletti (ex biancoceleste) regala a Immobile il pallone del 3-2. Per l’attaccante di Torre Annunziata è doppietta: 9 gol in stagione, 6 in Campionato.

Un punto sotto la Lazio rispunta il Milan, che si risolleva dal ko subito la settimana scorsa proprio per mano dei biancazzurri battendo 2-1 l’Udinese. È la grande giornata di Kalinic, che segna per la prima volta in rossonero. Due volte. Anzi, tre, ma l’ultima viene annullata dal Var (che in precedenza aveva già cancellato un gol a Lasagna).

Perdono terreno rispetto al gruppo di testa Torino e Sampdoria, che pareggiano 2-2 e si ritrovano rispettivamente in sesta e settima posizione con 8 e 7 punti. Dopo la rete in apertura di Zapata i granata ribaltano il risultato nel giro di due minuti con una gran rete di Baselli e il solito diagonale vincente di Belotti. Alla fine però è il gol dell’ex firmato da Quagliarella a fissare il punteggio finale.

In ottava posizione Fiorentina e Roma viaggiano appaiate a 6 punti. Al 3-0 facile facile messo a segno dai giallorossi sabato sera in casa contro il Verona, la Viola risponde con un 2-1 che porta le firme di Chiesa (autore di un tiro a giro che ai meno giovani ha ricordato quelli di papà) e di Pezzella, alla prima rete in A. In mezzo, il momentaneo pareggio di Palacio, che torna al gol in Campionato dopo un anno e mezzo e nel finale ha sulla testa il pallone del 2-2, ma prende il palo.

A centro classifica il Cagliari balza a 6 punti superando 2-0 in trasferta la Spal, che offre una prestazione deludente se paragonata alle due gare d’esordio. Decidono l’incontro Barella e Joao Pedro.

Dopo il glorioso 3-0 in Europa League sull’Everton, l’Atalanta non va oltre l’1-1 contro il Chievo. A Bastien risponde il rigore di Gomez, concesso dal Var per un fallo sul debuttante Orsolini. Nel primo tempo, la tecnologia nega un gol e un rigore ai nerazzurri.

 

Edicola internazionale

Internazionale.it
I link ai giornali di tutto il mondo

Le ragioni del no alla TAV

Notav

 

 

 

 


Appello per un ripensamento del progetto di nuova linea ferroviaria Torino – Lione, Progetto Prioritario TEN-T N° 6, sulla base di evidenze economiche, ambientali e sociali.

Leggi tutto

Cuba

Il terrorismo
contro Cuba
a cura di:
Fabrizio Casari
Sommario articoli

Questo sito è ottimizzato per
 
Firefox