Altrenotizie - Fatti e notizie senza dominio

Ven
23 Giugno 2017
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

La Roma non molla la Juve

Hits smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

di redazione

Con una prova di forza la Roma batte 3-1 a San Siro l’Inter di Pioli, che dimostra di essere ancora acerba per incontri di questo livello. Protagonista della gara è Radja Nainggolan, che con due fucilate da fuori all’inizio dei due tempi porta i suoi sul 2-0. A 10 dalla fine Icardi riapre la partita con una zampata sotto porta, ma 5 minuti dopo Perotti chiude i conti trasformando un rigore dubbio per un fallo di Medel su Dzeko.

I giallorossi dimostrano superiorità tattica e agonistica, impedendo agli avversari la costruzione del gioco a centrocampo e obbligandoli quasi sempre a inutili lanci lunghi o a sortite lente e improduttive sulle corsie laterali. A fronte di una vittoria meritata, la squadra di Spalletti non aveva bisogno dei vari regali concessi da Tagliavento, il cui metro di giudizio è apparso quantomeno sbilanciato.

In particolare, i nerazzurri recriminano per due rigori non concessi, di cui uno clamoroso per un calcio di Strootman a Eder e il secondo gol di Nainggolan nasce da un fallo dello stesso su Gagliardini che non viene fischiato. Ma tant’è: l’Inter rimane a 58 punti, si fa scavalcare da Lazio e Atalanta e sente il fiato sul collo del Milan.

La Roma invece, per quanto lontana (-7), resta comunque in scia alla Juventus, vittoriosa sabato per 2-0 sull’Empoli, superato facilmente grazie alle reti di Mandzukic e Alex Sandro. Il Napoli, invece, dopo la clamorosa sconfitta contro l’Atalanta nell’altro anticipo di giornata, perde contatto con la zona alta della classifica. Ora gli azzurri sono a -5 dalla Roma (59 a 54) e hanno solo tre lunghezze di vantaggio sui bergamaschi (51 pt), indiscussa sorpresa di questo Campionato.

Tengono il passo europeo anche la Lazio (quinta a 50 pt) e il Milan (settimo a quota 47) ma solo grazie ad altri regali arbitrali. All’Olimpico i biancocelesti superano di misura l’Udinese con un rigore trasformato da Immobile e concesso per un presunto fallo di mano di Ali Adnan, visto solo dall’arbitro.

Sorte più o meno identica per i rossoneri, che vincono sul campo del Sassuolo con un rigore perlomeno dubbio, ma trasformato in modo certamente irregolare da Bacca. Il colombiano scivola sul dischetto e colpisce il pallone due volte: impatta con il destro e lo devia con il piede d’appoggio. Un episodio che, ancora una volta, solleva dubbi sull’utilità degli arbitri di porta, troppo spesso degli spettatori non paganti (anzi, stipendiati).

In attesa di Fiorentina-Torino, in programma per questa sera alle 20 e 45, al centro della classifica il Chievo raggiunge a quota 35 punti la Sampdoria. I gialloblù dominano contro il Pescara (2-0 con reti di Birsa e Castro). I blucerchiati, invece, nella partita di mezzogiorno contro il Palermo agguantano il pari nel finale con un diagonale di Quagliarella che pareggia il la rete iniziale di Nestorovski, anche questa dal dischetto.

In coda, il Crotone si illude con un gol di Stoian, ma alla fine perde ancora, facendosi rimontare dal Cagliari. Per i sardi vanno a segno Joao Pedro e il veterano Borriello, che entra dalla panchina e realizza la sua 11esima marcatura stagionale.

Chiude il quadro della giornata l’1-1 fra Genoa e Bologna: alla punizione vincente di Viviani risponde Ntcham con un siluro sotto al 7 al 94esimo.

 

Edicola internazionale

Internazionale.it
I link ai giornali di tutto il mondo

Le ragioni del no alla TAV

Notav

 

 

 

 


Appello per un ripensamento del progetto di nuova linea ferroviaria Torino – Lione, Progetto Prioritario TEN-T N° 6, sulla base di evidenze economiche, ambientali e sociali.

Leggi tutto

Cuba

Il terrorismo
contro Cuba
a cura di:
Fabrizio Casari
Sommario articoli

Questo sito è ottimizzato per
 
Firefox