Altrenotizie - Fatti e notizie senza dominio

Dom
30 Aprile 2017
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Società

Maltrattamento sui bambini, nuove forme crescono

Maltrattamento sui bambini, nuove forme crescono

di Tania Careddu

Quando esordisce fin dai primissimi giorni di vita, il maltrattamento condiziona, in modo irreversibile, se non adeguatamente trattato, le modalità, le strutture e le conseguenti funzioni di un individuo in via di sviluppo. Essendo l’essere umano un prodotto dinamico di quello che gli accade intorno e di quanto è scritto nel suo DNA, il maltrattamento diviene condizione patologica in grado di alterare la maturazione e la morfologia cerebrale, per l’interazione tra progetto genetico e ambiente.

Tanto che se gli input ambientali non sono inseriti in un contesto relazionale caldo e amorevole non si può realizzare il primo in maniera sana, rappresentando il rapporto umano ciò che attua quello che i geni programmano. Non solo rallentando alcuni fenomeni tipici del neurosviluppo ma anche definendo una nuova morfologia di connessione delle diverse aree cerebrali, con conseguenze, nel medio e lungo termine, molto gravi.

Esse comprendono patologie neurologiche degenerative e psichiatriche, ritardi nello sviluppo e disturbi nella sfera della dipendenza da sostanze, oltre che un’incidenza maggiore di diabete, malattie cardiovascolari e gastroenterologiche. Per non parlare di casi di morte anticipata, collegata indirettamente agli esiti psicoemozionali e comportamentali del maltrattamento e che si esplicano in un aumento di condotte fortemente a rischio, suicidarie e autodistruttive.

Dal maltrattamento fisico all’abuso psicoemozionale, dalla trascuratezza e trattamento negligente all’abuso chimico, dalla sindrome del bambino scosso al trauma cranico abusivo, dalla sindrome di Munchausen agli abusi sessuali, sono le multiformi facce della violenza di cui sono vittime i bambini nel contesto famigliare. Sottoposti a ciò, sovente, come reazione al loro pianto inconsolabile, per calmarli o risvegliarli ma, sempre, frutto della (negata o non manifesta, prima di allora) malattia mentale di chi se ne occupa.

Oltre tremila i casi di bambini, negli ultimi cinque anni, secondo i dati della Rete nazionale di eccellenze ospedaliere per il contrasto della violenza sui bambini, riportati nel dossier "Maltrattamento e abuso sui bambini: una questione di salute pubblica", redatto da Terre des hommes, di età media di sette anni, anche se il maltrattamento è stato rilevato in tutte le fasce d’età, e con una prevalenza di bambine, e spesso, è contemporaneamente presente in forme diverse, quello multiplo, infatti, raggiunge il 30 per cento delle vittime.

Come, da tempo, la definisce l’Organizzazione mondiale della sanità, la violenza sui minori è, pure un problema di salute pubblica. Prova ne sia che , in Italia, l’1 per cento del prodotto interno lordo, ogni anno, è destinato a far fronte alla spesa derivante dalla violenza all’infanzia, con un impatto sull’economia e sul benessere di uno Stato, soprattutto riferibile alla mancata prevenzione della violenza e alle sue conseguenze mediche e sociali. E’ così che la prevenzione della violenza si traduce anche nella cura della malattia mentale degli adulti.

 

Bilancio di genere, questo sconosciuto

Bilancio di genere, questo sconosciuto

di Tania Careddu

Dal momento che nei bilanci pubblici entrate e uscite non possono considerarsi totalmente neutrali in termini di genere, dagli anni ottanta è stato pensato il bilancio di genere. Senza...

Welfare, opacità e trasparenza

Welfare, opacità e trasparenza

di Tania Careddu

Quattrocentosettantotto miliardi di euro di spesa pubblica annua per il sistema di protezione sociale vanno tutelati. Ad una impostazione di teoria economica che non prevede investimen...

Hotspot, cattiva accoglienza

Hotspot, cattiva accoglienza

di Tania Careddu

Parole d’ordine: controllo e condivisione delle responsabilità. Ma, a poco più di un anno dall’attuazione dell’approccio hotspot, rimangono solo l’ordine e il controllo. Della condivis...

Poveri NEET

Poveri NEET

di Tania Careddu

Non lavorano, non studiano, non fanno formazione e sono, anche, vittime, di una condizione di svantaggio sociale. Oltre a essere NEET, quindi, provengono, pure, da contesti famigliari ...

JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL

Edicola internazionale

Internazionale.it
I link ai giornali di tutto il mondo

Le ragioni del no alla TAV

Notav

 

 

 

 


Appello per un ripensamento del progetto di nuova linea ferroviaria Torino – Lione, Progetto Prioritario TEN-T N° 6, sulla base di evidenze economiche, ambientali e sociali.

Leggi tutto

Cuba

Il terrorismo
contro Cuba
a cura di:
Fabrizio Casari
Sommario articoli

Questo sito è ottimizzato per
 
Firefox

Syndicate

feed-image Feed Entries