Altrenotizie - Fatti e notizie senza dominio

Dom
22 Gennaio 2017
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Società

Parità di genere ? E dove?

Parità di genere ? E dove?

di Tania Careddu

Qual è il nesso tra servizi all’infanzia e accesso al lavoro retribuito delle donne? Se si considera che i servizi relativi alla prima infanzia comprendono tre filoni di politica pubblica - quelli rivolti alla prima infanzia, quelli relativi al lavoro cioè i congedi e quelli riferibili alle pari opportunità, ossia i trasferimenti monetari - e che il miglioramento di tali servizi è uno degli obiettivi prioritari dell’Impegno strategico per la parità di genere 2016-2019 della Commissione europea, il legame risiede nell’impatto positivo dell’adeguata copertura dei suddetti servizi sull’occupazione femminile.

Nel dettaglio delle voci, secondo quanto si legge nel rapporto Sulle spalle delle donne, redatto da Actionaid, basti pensare che laddove i servizi comunali per la prima infanzia presentano un tasso di presa in carico dei bambini fino ai tre anni più alto, anche quello dell’occupazione delle donne è più elevato.

Stessa ratio per i congedi parentali: in Italia, la fruizione di questa agevolazione da parte dei padri è molto limitata, pari al 12 per cento su un totale di quasi duecentottanta mila su tutto il territorio nazionale. Per le condizioni sfavorevoli che reggono la cura paterna le quali impediscono loro di scegliere di utilizzarla: il 38 per cento si sentirebbe incentivato se avesse un maggior sostegno finanziario e il 42 per cento si sente scoraggiato dalla scarsa copertura.

E cioè: la ridotta percentuale di salario, pari al 30 per cento, che viene riconosciuta durante il periodo di congedo induce il nucleo famigliare a valutare attentamente la scelta di avvalersene o meno ed, eventualmente, di tagliare il salario più basso (in genere, quello della donna).

Quanto ai trasferimenti monetari, la spesa pubblica complessiva destinata alle varie tipologie di assegni alle famiglie è stata, al pari del finanziamento pubblico degli asili nido, incrementata in modo più o meno costante dal 2004 al 2013 e il legislatore italiano non ha, finora, ritenuto necessaria l’introduzione di un trasferimento monetario di carattere universale, ossia svincolato da criteri legati al reddito o alla categoria lavorativa di appartenenza, al contrario di quanto avviene in altri Paesi dell’Unione europea (con due obiettivi: incentivare la natalità e contrastare la povertà infantile).

Per evitare inefficienze nella risposta ai bisogni delle famiglie bisognose sarebbe opportuno rivedere le modalità di erogazione di questi trasferimenti e valutare, piuttosto, un maggiore investimento, a oggi molto più basso di quello riservato ai trasferimenti monetari, per gli asili nido.

Il cui attuale livello di presa in carico dei bambini di età fra gli zero e i due anni è lontano dall’obiettivo Ue del 33 per cento, e prevedere, inoltre, politiche di promozione (vedi gli incentivi sui congedi parentali dei padri) dell’uguaglianza di genere in campo economico, in particolare nel lavoro di cura. Ché l’Italia è uno dei Paesi europei con la più ampia asimmetria tra donne e uomini per tempo dedicato al lavoro domestico.

 

Libri scolastici, costi e rimborsi

Libri scolastici, costi e rimborsi

di Tania Careddu

“Rappresenta il principale luogo di incontro tra le competenze del docente e le aspettative dello studente, il canale preferenziale su cui si attiva la comunicazione didattica”, dice i...

Tiziana, lapidata al tempo dei social

Tiziana, lapidata al tempo dei social

di redazione

La storia di Tiziana Cantone è su tutte le prime pagine. Si è uccisa il 13 settembre con un foulard  nello scantinato del suo palazzo a soli 31 anni. Bellissima e vittima di un video hard ...

Minori rifugiati nell’oblio

Minori rifugiati nell’oblio

di Tania Careddu

E’ la rotta migratoria più pericolosa del mondo, quella del Mediterraneo centrale che dal Nord Africa porta in Italia. Dove i minori stranieri non accompagnati sono sempre di più:  l’i...

Cara scuola, mi iscrivo

Cara scuola, mi iscrivo

di Tania Careddu

Luogo formativo deputato a veicolare conoscenza e ambiente educativo dove si impara a stare al mondo. Obbligatoria fino alla pubertà, terreno di scelta dall’adolescenza in poi, la scuo...

JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL

Edicola internazionale

Internazionale.it
I link ai giornali di tutto il mondo

Le ragioni del no alla TAV

Notav

 

 

 

 


Appello per un ripensamento del progetto di nuova linea ferroviaria Torino – Lione, Progetto Prioritario TEN-T N° 6, sulla base di evidenze economiche, ambientali e sociali.

Leggi tutto

Cuba

Il terrorismo
contro Cuba
a cura di:
Fabrizio Casari
Sommario articoli

Questo sito è ottimizzato per
 
Firefox

Syndicate

feed-image Feed Entries