Altrenotizie - Fatti e notizie senza dominio

Ven
24 Marzo 2017
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Società

Migranti forzati e salute pubblica

Migranti forzati e salute pubblica

di Tania Careddu

Nell’attuale italiana dove, dettata dalle difficoltà di disponibilità di accoglienza, l’emergenza la fa da padrona, l’attenzione e la sensibilità rispetto alle condizioni di salute dei migranti forzati, pur godendo degli stessi diritti degli immigrati regolarmente presenti, passa in secondo piano.

Alle difficoltà di ordine generale si sommano delle grosse criticità in termini di armonizzazione delle prassi territoriali - in mano agli enti provinciali e comunali - nel fornire assistenza sanitaria, per garantire la quale deve essere assicurata la presenza di operatori sanitari e di sostegno socio-psicologico presso le strutture di accoglienza.

Ma dai centri di primo approdo fino a quelli governativi per richiedenti asilo, se ne sente la mancanza con annessi e connessi del caso: assenti, spesso, i servizi di etno-psichiatria; le tessere sanitarie, più di qualche volta, non vengono fornite e l’erogazione delle medicine prescritte, non sempre viene assolta e, allorquando, i costi sono a carico del paziente.

Che, fra le problematicità più comuni, soffre di autolesionismo per dar voce alle sue incertezze e attirare l’attenzione; sebbene in assenza di prescrizioni da parte di medici specializzati, spesso assenti nei centri, utilizza in modo massiccio psicofarmaci; subisce la carenza del rapporto medico-paziente tanto da percepire il personale sanitario come agenti di custodia di cui è opportuno diffidare.

Si rileva certamente, secondo quanto si legge nel documento “Diritti e condizioni di salute dei migranti forzati”, redatto dall’ISMU, una mappa disomogenea, a livello nazionale, in termini di presa in carico del migrante forzato. Con un elemento, però, che relativamente alla difficoltà nell’accesso alle cure, li accomuna tutti, da Nord a Sud dello Stivale: la barriera linguistica, senza considerare che tanti di loro sono addirittura analfabeti.

Per gli operatori dei centri, le difficoltà di identificare e prendere in carico le problematiche psico-patologiche dei migranti forzati dipendono da tre ordini di fattori. Il primo è legato alla possibile non conoscenza della psicoterapia e dei suoi effetti benefici da parte del migrante; il secondo riguarda i tabù culturali rispetto alla condivisioni di eventi personali e il terzo è riconducibile alla normalizzazione degli eventi violenti (subìti).

E sebbene, in un contesto di ostica governabilità del sistema di arrivi, distribuzione e integrazione dei migranti in questione nel territorio italiano non consenta di venire in possesso di un patrimonio informativo dettagliato, le singole storie dei migranti sono sufficientemente rappresentative e permettono di generalizzare sui loro comportamenti e condizioni di salute.

Sulle quali si può agevolmente sostenere che non costituiscono rischio per la salute pubblica (se non in forma del tutto marginale) e che sono caratterizzate, per lo più, da malattie cardiovascolari, infezioni respiratorie, disidratazione, ipertermia e fratture. Certamente più sanabili di quelle (mentali) che originano dalla (sana) popolazione autoctona.

 

Lobby, ci sono o ci fanno?

Lobby, ci sono o ci fanno?

di Tania Careddu

Portatori di interessi, hanno sempre fatto parte dei processi decisionali in seno alle istituzioni democratiche moderne. E però, in Italia, le lobby (o gruppi di pressione) sono poco r...

Il clima al rovescio

Il clima al rovescio

di Liliana Adamo

Si chiama Adriatic Sea Effect Snow : in altre parole, un’irruzione artica nell’arco di un inverno eccessivamente “caldo”. E' la definizione più idonea per la fenomenologia meteo che, tra...

Povera sanità

Povera sanità

di Tania Careddu

La sanità italiana non gode di ottima salute. Sia per l’inefficienza del sistema sanitario nazionale sia per i costi. Talmente proibitivi che le spese sanitarie sono diventate out of po...

Infortuni sul lavoro, bilancio 2016

Infortuni sul lavoro, bilancio 2016

di Tania Careddu

Lo si può definire un annus horribilis , quello appena concluso, per l’andamento infortunistico sul lavoro. Dopo decenni di contrazione del fenomeno, il 2016 ha segnato un rallentamento ...

JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL

Edicola internazionale

Internazionale.it
I link ai giornali di tutto il mondo

Le ragioni del no alla TAV

Notav

 

 

 

 


Appello per un ripensamento del progetto di nuova linea ferroviaria Torino – Lione, Progetto Prioritario TEN-T N° 6, sulla base di evidenze economiche, ambientali e sociali.

Leggi tutto

Cuba

Il terrorismo
contro Cuba
a cura di:
Fabrizio Casari
Sommario articoli

Questo sito è ottimizzato per
 
Firefox

Syndicate

feed-image Feed Entries