Altrenotizie - Fatti e notizie senza dominio

Mar
17 Ottobre 2017
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Politica

Le ultime letterine di Matteo Renzi

Le ultime letterine di Matteo Renzi

di Antonio Rei

Ci risiamo. Dopo la truffa della scheda referendaria con il quesito-spot per il sì, il premier Matteo Renzi ha pensato bene d’inviare una lettera di propaganda ai quattro di milioni d’italiani iscritti all’Aire, l’Anagrafe degli italiani residenti all’estero. Queste persone rappresentano da sole l’8% dell’elettorato italiano e saranno probabilmente decisive per l’esito del referendum costituzionale del 4 dicembre.

Il problema è che la missiva non contiene un testo esplicativo sulle procedure per il voto, ma di un invito esplicito a votare SÌ. E in calce c’è pure la firma di Renzi, che per l’occasione sceglie di presentarsi come segretario del Pd.

Peccato che poi inizi la lettera con un’autocelebrazione dei presunti successi ottenuti da quando è a Palazzo Chigi. Si definisce perfino «orgoglioso rappresentante del paese che tutti amiamo», cioè Presidente del Consiglio, non segretario di un partito. Da non sottovalutare poi la sua ispirazione poetica, capace di evocazioni che puntano a coinvolgere emotivamente il lettore: «Ogni viaggio all’estero - scrive Renzi - ogni volta che ho sentito risuonare l’inno di Mameli con voi, ogni volta che ho incrociato i vostri sguardi orgogliosi, ogni volta che sono riuscito a stringervi le mani». Ogni volta che ha fatto queste cose, le ha fatte come Presidente del Consiglio - aggiungiamo noi - non come segretario di un partito.

Ma la parte che più conta arriva dopo il panegirico iniziale, quando si passa alla call to action, come si dice nel gergo del marketing. «Sarete voi a decidere - si legge nel testo - se questa Italia deve andare avanti oppure deve tornare indietro... Oggi siamo a un bivio. Possiamo tornare ad essere quelli di cui all’estero si sghignazza, quelli che non cambiano mai, quelli famosi per l’attaccamento alle poltrone e le azzuffate in Parlamento. Oppure possiamo dimostrare con i fatti che finalmente qualcosa cambia, e che stiamo diventando un Paese credibile e prestigioso».

Insomma, è l’ennesimo colpo basso di questo Governo, che nonostante la solita arroganza dimostrata dai suoi rappresentanti fra salotti tv e comizi, sa bene di essere in svantaggio rispetto al NO e per questo non esita a giocare sporco pur di recuperare terreno, violando apertamente il principio della parità di condizioni fra i due schieramenti in corsa.

Il ministro Boschi ha pensato di ripulirsi l’immagine precisando che la letterina “non arriverà insieme alla scheda elettorale, ma contemporaneamente”. Un sofisma di cui non si sentiva davvero bisogno, anche perché - come detto - la stessa scheda è una truffa, dal momento che pone agli elettori una domanda tendenziosa, spudoratamente concepita per orientare le matite a mettere la croce su SÌ.

Certo, se la lettera fosse arrivata nella stessa busta della scheda avrebbero sconfinato direttamente nel territorio dell’illegalità. Ma il fatto che gli italiani all’estero riceveranno allo stesso tempo gli strumenti per votare e le istruzioni su come farlo rappresenta comunque una distorsione vergognosa della campagna elettorale.

«Man mano che emergono i particolari e i contorni, la lettera inviata da Renzi agli elettori italiani all'estero pone problemi seri e preoccupanti” ha detto Alfiero Grandi, vice presidente del Comitato per il No. «Il ricorso alla magistratura in tutte le sedi possibili - ha aggiunto - è a questo punto inevitabile per cercare di ottenere giustizia e il ripristino della parità di condizioni per il Sì e per il No in campagna elettorale».

I comitati del No hanno anche chiesto al presidente della Repubblica un incontro «urgente» per «rappresentare le gravi preoccupazioni in ordine alla correttezza della competizione referendaria con particolare riferimento agli italiani residenti all’estero».

Non possono bastare le giustificazioni della Boschi a chiudere il caso: non possiamo berci la storia dell’iniziativa referendaria autonoma da parte del Pd, visto che, come abbiamo visto, in quelle lettere Renzi parla da Presidente del Consiglio, sovrapponendo ambiguamente le cariche che ricopre (una pubblica e una privata).

L’indecenza di un gesto simile dimostra che aveva ragione De Mita quando, nel confronto diretto su La7, ha definito Renzi un uomo volgare. Non solo: a definitiva conferma della propria volgarità e dell’ipertrofia del proprio Ego, il Premier ha allegato al testo alcune fotografie che lo ritraggono con i grandi della terra, a cominciare da Barack Obama.

Il che, è evidente, non rappresenta proprio un buon auspicio per il SÌ, visto come sono andate le ultime elezioni presidenziali negli Usa. Ma per capire questo bisognerebbe saper ragionare di politica. Invece, a Palazzo Chigi, si usa praticare solo il marketing di più basso livello.

 

Renzi alla guerra di Russia

Renzi alla guerra di Russia

di Fabrizio Casari

Con una decisione gravissima, presa alla chetichella e venuta alla luce solo grazie a fonti giornalistiche, il governo italiano ha deciso di inviare 140 militari in Lettonia, al conf...

Il senso della Ue per il referendum

Il senso della Ue per il referendum

di Antonio Rei

Quest’anno la Commissione europea non può fare storie: deve concedere al governo italiano tutta la flessibilità richiesta. E non per considerazioni economiche - i conti del nostro Paese ...

Referendum, l’insulto della scheda

Referendum, l’insulto della scheda

di Antonio Rei

Una furbata a cui neanche Silvio Berlusconi sarebbe mai arrivato. La scheda per il referendum costituzionale presentata la settimana scorsa dal premier Matteo Renzi non è solo l’apoteosi...

Olimpiadi e isterie

Olimpiadi e isterie

di Fabrizio Casari

La sindaca di Roma, almeno sulle Olimpiadi, non ha incertezze e non compie retromarce. “Sarebbe irresponsabile dire sì alla candidatura di Roma” ha detto ieri in conferenza stampa. D...

JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL

Edicola internazionale

Internazionale.it
I link ai giornali di tutto il mondo

Le ragioni del no alla TAV

Notav

 

 

 

 


Appello per un ripensamento del progetto di nuova linea ferroviaria Torino – Lione, Progetto Prioritario TEN-T N° 6, sulla base di evidenze economiche, ambientali e sociali.

Leggi tutto

Cuba

Il terrorismo
contro Cuba
a cura di:
Fabrizio Casari
Sommario articoli

Questo sito è ottimizzato per
 
Firefox

Syndicate

feed-image Feed Entries