Altrenotizie - Fatti e notizie senza dominio

Mer
7 Dicembre 2016
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Politica

Il referendum rottama il rottamatore

Il referendum rottama il rottamatore

di Fabrizio Casari

Questo Paese ama la sua Costituzione. La rispetta e la difende contro qualsiasi manipolazione, non importa da dove venga. Considera la sua Carta dei principi, il tessuto connettivo della nostra società e non consente avventure politiche alle sue spalle. Soprattutto quando a produrle sono un ex Presidente della Repubblica come Napolitano, che ha imposto a Renzi il terreno dello scontro costituzionale. Non si può tacere del ruolo fondamentale avuto dall’ex-presidente della Repubblica in questa vicenda.

Silente nella soluzione dei problemi politici e sociali dell’Italia, Napolitano ha caratterizzato la sua presidenza con l’ossequio costante verso i poteri forti internazionali; lo ha fatto anche ampliando a dismisura i poteri d’intervento del Presidente della Repubblica previsti dalla Costituzione, arrivando ad intestarsi la direzione politica de facto dell'Italia.

Quale che fosse il Presidente del Consiglio, Napolitano lo ha soverchiato assumendo su di sé le scelte fondamentali del Paese, tra le quali il pareggio di bilancio in Costituzione e la controriforma Boschi ieri rifiutata dagli italiani.

Ma il voto di ieri non è solo la dimostrazione della fedeltà alla nostra Carta, pure ribadito con simile forza. Contiene un giudizio netto e senza appello anche sul governo, sulla sua proposta politica, persino sullo stile di governo di un premier intriso di bullismo. Che ha voluto trasformare la campagna elettorale in un plebiscito su di sé, conducendo una competizione fatta di bugie, ricatti, minacce, campagne terroristiche destinate ad installare la paura nell’elettorato.

Il voto esprime il rifiuto popolare verso un premier considerato un abusivo e un arrogante, un bugiardo seriale dotato di ambizione eccessiva e di spregiudicatezza senza limiti nella ricerca della sua affermazione personale. Tutto ciò ha certamente inciso molto sul sentiment del Paese espresso nel voto. Ha definito “accozzaglia” la storia della politica italiana, ma non é servito: anzi, è probabile che la sua scorrettezza abbia spinto al voto più gente di quanta ci si sarebbe aspettato.

La chiave del successo del NO è stata la risposta di milioni di italiani piagati dalle politiche economiche del governo. Che hanno visto nel voto la possibilità di riprendersi la parola negata da governi che si succedono senza esser stati eletti. E, quello Renzi, oltre all’assunzione inginocchiata delle disposizioni della UE, ha operato per azzerare il patto sociale e costituzionale, visto come scalpo necessario per riscrivere l’assetto dei poteri, da raggiungere piegando ogni opposizione ed estromettendo i corpi intermedi della società dal suo ruolo di mediazione sociale.

Hanno risposto NO come era logico attendersi i lavoratori privati dell’articolo 18, ritrovatisi senza tutele nei confronti dell’arroganza padronale. Allo stesso modo gli insegnanti derisi e umiliati dalla “buona scuola”, così come i giovani che si sono visti turlupinati con i vaucher, spacciati come occupazione quando invece sono elemosina precaria utile solo a truccare i dati sul mercato del lavoro.

Hanno votato NO le persone che erano prossime alla pensione ma che sono state schiacciate dalla riforma Fornero, che li ha trasformati in esodati a tempo indeterminato. Una riforma che non solo Renzi non ha modificato (come aveva promesso) ma che addirittura ha infarcito di presa in giro degli italiani con la proposta di anticipo pensionistico.

Ha votato NO il Paese schiacciato dalle politiche del governo dispiegate, oltretutto, con arroganza e sarcasmo. Ha votato NO chi ritiene che sia necessaria una nuova politica industriale per l’occupazione, che vuole porre al centro dell'agenda politica una politica salariale che riporti alla decenza la prestazione lavorativa, che inverta la tendenza alla riduzione pesante dello stato sociale, confermata negli anni con la rinuncia ad ogni intervento di sostegno su sanità, previdenza e assistenza.

E non è casuale che il Si abbia vinto nei pochi centri dove il contesto socioeconomico è migliore e che proprio al Centro Italia e nel Sud, dove invece le piaghe sociali sono più dolorose, la vittoria del NO sia stata così netta.

Sul piano più strettamente partitico, il voto di ieri indica anche la fine della breve ed ingloriosa storia del PD. L’esperimento di laboratorio che ha obbligato alla convivenza forzata due culture politiche conquistata attraverso l’uccisione di quella di sinistra, non ha funzionato. Si apre ora una fase completamente diversa e la analizzeremo nei prossimi giorni.

Ma quel che è certo è che è rimasto sepolto sotto le schede elettorali è il progetto renziano del Partito della Nazione. Il PD, che ha perseguito una strategia fondata sulla eliminazione della sinistra e l’attrattiva per il voto moderato, ha ridato vigore alla sinistra dentro e fuori dal partito mentre ha perso il voto moderato.

La promessa di Renzi di risollevare l’Italia e sconfiggere Grillo è diventata il peggioramento dei conti del Paese e l’affermazione del M5S. Il voto ha invece dimostrato che, molto più del PD, è il M5S che ha la capacità di intercettare i voti orfani della storia ideologica del Paese, persino quelli dei moderati. I giovani, che si volevano arruolabili nella battaglia renziana per la rottamazione, hanno rottamato il rottamatore. Un fallimento completo e senza appello.

Oltre al PD renziano, la grande sconfitta è la struttura mediatica del Paese, che a Renzi è stata devota per la sintonia piena tra il personaggio e le banche che sostengono i rispettivi gruppi editoriali. Toni apocalittici, pressioni e sotterfugi, bugie ricevute e rilanciate senza decenza deontologica, non sono però state sufficienti.

L’occupazione militare della RAI da parte di Renzi, lo schieramento vergognosamente di parte di Mediaset e Sky e la mobilitazione della grande editoria cartacea, che ha stampato su carta quello che Palazzo Chigi indicava, non sono servite. I pizzini elettronici con i quali Filippo Sensi indicava contenuti e titoli alla maggioranza degli organi di stampa, da ieri sono carta straccia e si registra una la più pesante sconfitta di sempre per il sistema mediatico ufficiale.

L'informazone è stata trasformata in propaganda e questa, destinata alla persuasione forzata (palese come occulta) dell’opinione pubblica, è stata sconfitta da una consapevolezza generale della posta in gioco. E, sempre per restare nella sfera  mediatica, non sono servite le genuflessioni di Benigni e di Santoro, per non parlare dei conduttori del 90 per cento delle trasmissioni televisive e radiofoniche. Il dialogo tra le persone ha prevalso sulle lingue battenti sui tamburi.

Finisce qui la carriera politica di Renzi e ciò è certamente un bene per il Paese e anche per lo stesso PD. Da oggi la parola è al Capo dello Stato che dovrà ricevere le dimissioni di Renzi e cercare la soluzione parlamentare alla crisi.

Ma se le prerogative presidenziali potranno delinearsi solo attraverso le procedure previste dalla Carta, quelle popolari hanno già fornito una indicazione netta e senza appello. Legge di stabilità (da modificare sensibilmente) entro Dicembre, quindi Riforma elettorale e poi alle urne. Gli italiani vogliono tornare a votare: questo ha detto, chiaro e forte, il voto di ieri.




 

Referendum: Votare NO per continuare a votare

Referendum: Votare NO per continuare a votare

di Fabrizio Casari

Siamo dunque giunti al momento del voto, per decidere se la Carta Costituzionale deve essere difesa o diventare invece lo strumento giuridico fondamentale per le nuove avventure auto...

Riforma Madia, le prime lacrime di Renzi

Riforma Madia, le prime lacrime di Renzi

di Antonio Rei

Mentre tutta Europa aspetta il referendum del 4 dicembre e mezza Italia s’interroga sul verdetto della Corte Costituzionale in merito all’Italicum, la Consulta spiazza tutti e boccia la ...

De Luca, governatore senza pudore

De Luca, governatore senza pudore

di Antonio Rei

Non solo non lo hanno punito né ripreso: lo hanno addirittura premiato. Il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, sembra mettercela davvero tutta per screditare se stesso e il Par...

In fondo a destra

In fondo a destra

di Fabrizio Casari

La notizia è passata inosservata, com'era inevitabile vista la rilevanza, ma il fatto è che l'ex sindaco di Roma, Alemanno e l'ex presidente della Regione Lazio, Storace, hanno decis...

JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL

Edicola internazionale

Internazionale.it
I link ai giornali di tutto il mondo

Le ragioni del no alla TAV

Notav

 

 

 

 


Appello per un ripensamento del progetto di nuova linea ferroviaria Torino – Lione, Progetto Prioritario TEN-T N° 6, sulla base di evidenze economiche, ambientali e sociali.

Leggi tutto

Cuba

Il terrorismo
contro Cuba
a cura di:
Fabrizio Casari
Sommario articoli

Questo sito è ottimizzato per
 
Firefox

Syndicate

feed-image Feed Entries