Altrenotizie - Fatti e notizie senza dominio

Mer
7 Dicembre 2016
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Cultura

L'ora di ricevimento

L'ora di ricevimento

di Sara Michelucci

C'è chi cerca un banco vicino alla finestra per guardare fuori e sognare di essere in un altro luogo; chi si mette in prima fila, rassegnato per il suo destino di 'primo banco' e chi, invece, ha lo spirito del buon samaritano e cerca sempre di sobbarcarsi tutti i problemi. Sono solo alcuni degli alunni tipo che il professor Ardeche (un bravo Fabrizio Bentivoglio) si trova di volta in volta di fronte.

Caratteristiche che può riscontrare ogni anni anche se i ragazzi cambiano. L'ora di ricevimento diretto da Michele Placido e andato in scena al teatro Secci di Terni, narra le gesta di un professore di lettere che insegna nell'esplosiva e multietnica banlieue di Les Izards, ai margini dell'area metropolitana di Tolosa. La scolaresca che gli è stata affidata quest'anno è ancora una volta un mix di culture che con non poca fatica l'insegnante dovrà far combaciare.

Ed è proprio durante l'ora di ricevimento con i genitori che verranno fuori tutte le difficoltà, le paure e i luoghi comuni che caratterizzano le varie culture e religioni, spinte forse un po' troppo all'eccesso. “Un incalzante mosaico di brevi colloqui con questa umanità assortita di madri e padri, che prende vita sulla scena l'intero anno scolastico della classe Sesta sezione C. Sullo sfondo, dietro una grande vetrata, un grande albero da frutto sembra assistere impassibile all'avvicendarsi dei personaggi, al dramma dell'esclusione sociale, ai piccoli incidenti scolastici di questi giovani apprendisti della vita”, afferma Stefano Massini, autore del testo.

Si ride ma allo stesso tempo si riflette, guardando scorrere sul palcoscenico i genitori dei diversi alunni, che non vengono mai mostrati, ma che sembra di conoscere e quasi di vedere nelle descrizioni fatte dall'insegnante. Un mondo quasi parallelo quello che si vive all'interno della scuola, ma che inevitabilmente influenzerà e sarà a suo volta influenzato dall'esterno, in un gioco di ruoli e di destini incrociati.


 

La Vita Ferma

La Vita Ferma

di Sara Michelucci

Accettare la perdita, la scomparsa della persona amata, della madre, della moglie, non è cosa facile. E lo è ancora di più mantenere intatto il suo ricordo. O, meglio, ricordare tutt...

Turchia, ciò che non si dice

Turchia, ciò che non si dice

di Vincenzo Maddaloni

In questi giorni molto s’è letto sulle repressioni in Turchia, ma poco o nulla sul perché del vasto consenso che sostiene il suo presidente e la sua “rivoluzione”. Poco si è scrit...

Ho visto Bellezze volare

Ho visto Bellezze volare

di Sara Michelucci

Ho visto Bellezze volare . Si chiama così l'opera scritta e diretta da Giulio Biancifiori e prodotta dall'associazione culturale La fucina delle parole, ispirata a un processo per str...

Olocausto e nostalgia in musica

Olocausto e nostalgia in musica

di Sara Michelucci

È l’orrore del massacro di Babi Yar (Kiev) a rivivere nel nuovo disco Naxos di Boris Pigovat, Holocaust Requiem. Poem of Dawn, inciso da Anna Serova (viola) e Nicola Guerini (diretto...

JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL

Edicola internazionale

Internazionale.it
I link ai giornali di tutto il mondo

Le ragioni del no alla TAV

Notav

 

 

 

 


Appello per un ripensamento del progetto di nuova linea ferroviaria Torino – Lione, Progetto Prioritario TEN-T N° 6, sulla base di evidenze economiche, ambientali e sociali.

Leggi tutto

Cuba

Il terrorismo
contro Cuba
a cura di:
Fabrizio Casari
Sommario articoli

Questo sito è ottimizzato per
 
Firefox

Syndicate

feed-image Feed Entries