Altrenotizie - Fatti e notizie senza dominio

Mar
31 Marzo 2015
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Birdman conquista Hollywood

Birdman conquista Hollywood

di Sara Michelucci

Nessuna grande sorpresa per gli Oscar 2015. L’87esima edizione degli Academy Awards al Dolby Theatre di Los Angeles ha rispettato le aspettative, consacrando il film di Alejandro Gonzales Innaritu, Birdman, il migliore di quest'anno. Ed è proprio un film “antihollywoodiano” a conquistare, invece, l’Academy.

Il regista messicano ha fatto incetta di premi, portando a casa anche la statuetta per miglior regista, migliore sceneggiatura e miglior fotografia. A bocca asciutta, invece, il suo protagonista, il bravo Michael Keaton, a cui è sfuggito il premio come miglior attore protagonista, andato invece a un commosso Eddie Redmayne, che ha vestito i panni del fisico malato di Sla, Stephen Hawking, ne La teoria del tutto.

Altro premio atteso è stato quello per la migliore attrice protagonista, conquistato dall'altrettanto valente Julienne Moore, che ha vinto con Still Alice, il film che porta sul grande schermo la sofferenza dell'Alzheimer. La Moore, con le lacrime agli occhi, non ha infatti mancato di sottolineare l'importanza di parlare di questa malattia che coinvolge molte persone.

Interessanti i premi conferiti agli attori non protagonisti. Spunta, infatti, per il ruolo al maschile un eccellente J. K. Simmons premiato per Whiplash, dove interpreta il ruolo di un insegnante di jazz dai modi poco ortodossi.  Durante il suo discorso ha detto: “Per tutti quelli che hanno ancora i genitori, non mandate mail e sms, tirate su il telefono”.

Per il miglior ruolo di non protagonista femminile la spunta Patricia Arquette, che batte un mostro sacro come Meryl Streep, grazie al ruolo interpretato in Boyhood. La Arquette, che nel film veste i panni di una madre, ha parlato, nel suo discorso di premiazione, della necessità che ci sia maggiore eguaglianza per le donne: “È difficile avere un’eguaglianza di stipendio per le donne negli Stati Uniti ed è ora che ne parliamo”. Discorso che ha sollevato numerosi applausi, soprattutto tra le sue colleghe.

Ma ce n’è anche per l’Italia, anche se si tratta di un premio tecnico. Dopo l’Oscar a Sorrentino, lo scorso anno per La Grande Bellezza, questa volta il Bel Paese porta a casa la statuetta per i migliori costumi, premiando Milena Canonero, alla sua quarta statuetta, grazie a Gran Budapest Hotel. Il bel film di Wes Anderson conquista anche i premi per la miglior colonna sonora, il miglior trucco e la migliore scenografia.

 

Tsipras, Atene respira

Tsipras, Atene respira

di Carlo Musilli

Il governo Tsipras è alle prese con la prima lista di riforme da presentare a Bruxelles, ma deve fare i conti con la frangia di Syriza che vede nel compromesso con l'Europa una sconfit...

Roma, aria di resa

Roma, aria di resa

di redazione

La Roma perde ancora punti sulla Juve e sembra gettare la spugna. Il girone di ritorno è iniziato da poco più di un mese, ma la pareggite dei giallorossi prosegue anche a Verona (1-1, con ...

Grecia, compromesso con Golia

Grecia, compromesso con Golia

di Carlo Musilli

Non conta chi ha vinto, ma cosa è cambiato. Fuori dal Vecchio Testamento, Golia batte sempre Davide, per cui nella guerra negoziale fra Atene e Bruxelles era inevitabile che prevalesse...

Ucraina, i “ribelli” umiliano Kiev

Ucraina, i “ribelli” umiliano Kiev

di Michele Paris

Il giorno dopo la gravissima umiliazione patita dalle forze armate del regime golpista di Kiev a Debaltsevo, i quattro protagonisti dell’accordo per il cessate il fuoco raggiunto setti...

Pagina 10 di 1245

Edicola internazionale

Internazionale.it
I link ai giornali di tutto il mondo

Le ragioni del no alla TAV

Notav

 

 

 

 


Appello per un ripensamento del progetto di nuova linea ferroviaria Torino – Lione, Progetto Prioritario TEN-T N° 6, sulla base di evidenze economiche, ambientali e sociali.

Leggi tutto

Cuba

Il terrorismo
contro Cuba
a cura di:
Fabrizio Casari
Sommario articoli

Libri

Silvia Mari - Il rischio
Scarica in PDF

Questo sito è ottimizzato per
 
Firefox

Syndicate

feed-image Feed Entries