Altrenotizie - Fatti e notizie senza dominio

Gio
31 Luglio 2014
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Bellissima - omaggio ad Anna Magnani

Bellissima - omaggio ad Anna Magnani

di redazione

Scritto, diretto ed interpretato da Simona Lacapruccia, con i danzatori Daniele Toti e Silvia Pinna, realizzato con la produzione GDO, lo spettacolo Bellissima - omaggio ad Anna Magnani è stato vincitore del concorso teatrale nazionale “Teatrando, oggi il teatro lo facciamo noi” nel 2013. Ora, dopo aver debuttato nel 2014 al teatro Tordinona e Studio Uno di Roma, è in questi giorni in concorso alla manifestazione del “Roma Fringe Festival” 2014.

Proprio a 40 anni della morte di Anna Magnani è giusto che venga ricordata e omaggiata una donna che tanto ha dato all’Italia, al cinema e al teatro con il suo lavoro, fatto con estremo amore e dedizione.

Bellissima - omaggio ad Anna Magnani
, è uno spettacolo delicato che ripercorre le tappe più importanti della vita della grande attrice romana. Una donna forte, passionale ma anche dolce e sensibile, che metteva tutta se stessa nel lavoro e nei rapporti umani. Grazie all’intrigante connubio con la danza, che esemplifica nel gesto le parole, il pubblico si immerge nella vita di Nannarella, simbolo di Roma e del cinema internazionale.

Una vita piena, vissuta con coraggio; dall’infanzia priva degli affetti più importanti, quelli di un padre e di una madre, alla passione travolgente per la recitazione, dalle relazioni turbolente con uomini come Roberto Rossellini all’amore più forte, quello per l’adorato figlio Luca, malato di poliomelite. Ragazzo timido ma forte, che le rimase accanto fino alla fine con coraggio, quando un tumore al pancreas la portò via troppo presto ad una Roma in lacrime.

Attraverso il monologo, nel quale le parole di Anna Magnani risuonano, il pubblico entra nell’intimo dell’animo della grande attrice, delicata e passionale, taciturna e “caciarona”, nostalgica e intraprendente.

L’attrice metteva tutta se stessa nell’interpretazione dei personaggi, delle donne a cui dava voce, corpo e anima grazie a uno studio intenso e approfondito.

Pina, la protagonista di Roma città aperta, la monumentale e tragica Mamma Roma di Pasolini che balla lo struggente valzer con l’attore-figlio o Maddalena, protagonista divertente ma intensa di Bellissima, tutte le donne da lei interpretate avevano qualcosa di se stessa: la forza, la dolcezza, la poesia, il dolore, l’inconfondibile risata…Quello che si evince dallo spettacolo è che a rendere indimenticabile Anna Magnani sia stata proprio la passione.

Bellissima è scritto e recitato da Simona Lacapruccia in forma di monologo, come fosse una lunga lettera composta da tante ipotetiche lettere che Anna Magnani avrebbe potuto scrivere, alla madre che l’ha abbandonata troppo piccola, al figlio Luca, ma è anche una sorta di “confessione” o “sfogo” che l’attrice fa al suo pubblico.

La passione per il suo lavoro, per la vita anche se difficile, per gli uomini, per il figlio, per l’arte e per il cinema che l’ha tanto osannata quanto poco considerata alla fine della sua carriera come filo conduttore di una vita intera.

Come dice il figlio Luca, Anna Magnani si è fatta strada in un mondo maschile e maschilista e l’ha fatto da sola, spinta dall’amore per il suo lavoro, dallo studio profondo per migliorare, dall’essere autocritica e pignola e dall’amore per la recitazione.

Lo spettacolo è impreziosito e reso ancora più emozionante dalle coreografie dei danzatori, che danno corpo alle parole di Anna Magnani, arrivando a toccare con la loro danza le corde del cuore degli spettatori.

 

Prandelli d’Italia

Prandelli d’Italia

di Fabrizio Casari

Le dimissioni annunciate alla fine della partita sono probabilmente la scelta migliore di Cesare Prandelli nel complesso del Mondiale brasiliano. Scelta non consueta in Italia quella...

Calcio in tv, diritti e conflitti

Calcio in tv, diritti e conflitti

di Carlo Musilli

Milioni di euro, piattaforme, squadre importanti e squadre minori, diffide e controdiffide, amici, nemici e conflitti d'interessi. E’ una telenovela infinita quella sui diritti tv per ...

Italia, paese dei campi

Italia, paese dei campi

di Tania Careddu

Parola d’ordine: sgomberare. Ossia, spostamento forzato di comunità Rom associato alla costruzione di spazi abitativi assegnati su base etnica alle stesse comunità. In cambio, una prec...

Giappone: Abe Cesare?

Giappone: Abe Cesare?

di Michele Paris

Uno degli obiettivi principali del primo ministro ultra-conservatore del Giappone, Shinzo Abe, fin dal suo ritorno al potere sul finire del 2012 è stato quello di imprimere una svolta ...

Pagina 10 di 1181

Edicola internazionale

Internazionale.it
I link ai giornali di tutto il mondo

Le ragioni del no alla TAV

Notav

 

 

 

 


Appello per un ripensamento del progetto di nuova linea ferroviaria Torino – Lione, Progetto Prioritario TEN-T N° 6, sulla base di evidenze economiche, ambientali e sociali.

Leggi tutto

Cuba

Il terrorismo
contro Cuba
a cura di:
Fabrizio Casari
Sommario articoli

Libri

Silvia Mari - Il rischio
Scarica in PDF

Questo sito è ottimizzato per
 
Firefox

Syndicate

feed-image Feed Entries